Notizie locali
Pubblicità
[type=TEXT, value=]

Mondo

Kamchatka, aereo russo finisce in mare: 28 morti

Di Redazione
Pubblicità

Le autorità russe hanno perso il contatto con un aereo passeggeri con 28 persone a bordo nell’est 
del Paese: lo riportano le agenzie di stampa ed i servizi di emergenza russi. Il velivolo, un An-26, stava volando da Petropavlovsk-Kamchatsky a Palana, nella penisola di Kamchatka, quando si sono interrotte le comunicazioni.

Per le ricerche dell’aereo sono stati mobilitati due elicotteri. Secondo diverse fonti il velivolo potrebbe essere precipitato in mare o potrebbe essersi schiantato al suolo vicino ad una miniera di carbone nell’area di Palana. 

I servizi di emergenza hanno  determinato il possibile luogo dello schianto di un aereo Antonov An-26 che è scomparso nella regione russa della Kamchatka. Lo ha detto una fonte alla TASS. «L'area è stata 
approssimativamente determinata entro 15-25 chilometri dall’aeroporto, lungo la costa. Una ricerca è in corso anche in mare», ha detto. «I dati oggettivi mostrano che l’aereo si è schiantato in mare», ha aggiunto la fonte. 

L’ultimo grave incidente aereo in Russia risale al maggio 2019, quando un Sukhoi Superjet della compagnia nazionale Aeroflot fu costretto ad un atterraggio di emergenza e prese fuoco sulla pista di un aeroporto di Mosca, uccidendo 41 persone. 
Nel febbraio 2018, un AN-148 della Saratov Airlines si schiantò poco dopo il decollo vicino a Mosca a causa di un errore umano, uccidendo tutte le 71 persone a bordo.

 

(Youtube/euronews)

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti:
Pubblicità