Notizie locali
Pubblicità
"Furbetti" vaccini, Musumeci: «Tar conferma la nostra scelta. No a scorciatoie»

Covid-19

"Furbetti" vaccini, Musumeci: «Tar conferma la nostra scelta. No a scorciatoie»

Di Redazione

Palermo - Sulla decisione di ieri del Tar di respingere il ricorso presentato contro l’assessorato alla Salute della Regione Siciliana da alcune persone alle quale era stata somministrata la prima dose del vaccino anti Covid-19 senza essere in lista ed averne titolo, arriva oggi il commento del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci: "La decisione del Tar Catania conferma la nostra valutazione e il valore non solo etico della scelta adottata. Siamo impegnati nella fase più importante della emergenza, quella della vaccinazione, e non sono ammesse scorciatoie. Da domani si parte anche in Sicilia con AstraZeneca e spero che presto riusciremo ad avere più dosi di vaccino per mettere in sicurezza tutti gli anziani, le persone fragili e le categorie più esposte. Mi aspetto che tutti facciano il loro dovere e che i risultati raggiunti nella vaccinazione sulla popolazione sanitaria possano essere un modello da replicare".

Pubblicità

LEGGI IL PROVVEDIMENTO DEL TAR

Alcuni dei "furbetti" del vaccino erano stati individuati nel Ragusano e precisamente a Scicli dove a ricevere la prima dose senza averne diritto sarebbero stati ex sindaci, il marito avvocato e la figlia della direttrice risorse umane dell’ASP di Ragusa, mentre a Comiso erano stati individuati una giornalista e il figlio 26enne di un medico, medici in pensione e persino un alto funzionario della Regione e capo del genio civile di Ragusa. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: