home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Lavoratori "in nero" per raccolta arance: arrestato presunto "caporale" di Ribera

Nell'agrigentino, l'uomo, un operaio forestale di 58 anni, avrebbe sfruttato diversi lavoratori, tutti stranieri, con la complicità del titolare di un'azienda agricola

Lavoratori "in nero" per raccolta arance: arrestato presunto "caporale" di Ribera

Ribera (AGRIGENTO) - I carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato un presunto «caporale», un 58 enne operaio forestale, originario di Ribera e denunciato a piede libero altre sei persone residenti nel centro crispino, tra cui il titolare di un’azienda agricola, accusati di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. Gli indagati utilizzavano 10 lavoratori in «nero», tutti stranieri, impiegati illecitamente nella raccolta delle arance. Sono state elevate sanzioni per 40.000 euro. L’arrestato, su disposizione della Procura di Sciacca (Ag), è stato sottoposto agli arresti domiciliari.


Raccogliere il maggior numero di frutti a poco prezzo, sfruttando alla giornata lavoratori stranieri in «nero» ed approfittando della loro condizione di bisogno. Era questo il metodo adottato dal «caporale» riberese in accordo con il titolare di un’azienda agricola, secondo i militari.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa