home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Canicattì, figlio prende 9 a scuola, ma per i genitori merita «10» e fanno ricorso al Tar

Ma i giudici amministrativi hanno respinto l'istanza e hanno condannato la coppia a pagare mille euro di spese legali

Canicattì, figlio prende 9 a scuola, ma per i genitori merita «10» e fanno ricorso al Tar

CANICATTI' - Il nove preso dal figlio all’esame di terza media non gli è proprio andato giù. Ottimo non era abbastanza. Il ragazzino meritava dieci, eccellente. Per questo una coppia di Canicattì invece di andare a protestare con gli insegnanti incapaci, a loro dire, di valutare il ragazzino, si è rivolta al Tar. Che, però, ha dato loro torto condannandoli anche al pagamento di mille euro di spese legali.

Il ricorso, presentato al tribunale amministrativo siciliano, è del 2014 quando l’alunno, superato l’esame di terza media, venne a conoscenza del risultato: ottimo. Non abbastanza per i genitori che chiesero ai giudici di annullare il verbale dei giudizi sulle prove della scuola Giovanni Verga e consentire così al figlio di ottenere un più meritato eccellente: dieci su dieci.

La risposta dei giudici della prima sezione del Tar presieduta da Calogero Ferlisi (Aurora Lento, consigliere, estensore Roberto Valenti, consigliere) è arrivata dopo tre anni e ha dato torto alla coppia.

«Come noto, la scuola, nel valutare la preparazione degli alunni, non applica scienze esatte che conducono ad un risultato certo ed univoco, come si verifica ad esempio nei casi di accertamento dell’altezza di un determinato candidato o del grado alcolico di una determinata sostanza, - hanno scritto i giudici nella sentenza - ma formula un giudizio tecnico connotato da un fisiologico margine di opinabilità, per sconfessare il quale non è sufficiente evidenziare la mera non condivisibilità del giudizio, dovendosi piuttosto dimostrare la sua palese inattendibilità».

Nella sentenza i giudici hanno riportato tutti i voti conseguiti dall’alunno. «Lo studente era stato ammesso con il voto di 9/10 e aveva conseguito i seguenti punteggi: 10/10 nella prova d’italiano; 10/10 nella prova di matematica; 8/10 nella prova di francese; 8/10 nella prova d’inglese; 9/10 nel colloquio pluridisciplinare.

«Il voto finale di 9/10 si presenta, pertanto, coerente con quelli di ammissione e con quelli conseguiti nelle prove d’esame, tanto più che il voto di 10/10 presuppone il raggiungimento dell’eccellenza in tutte le prove - ha spiegato il Tar - Sotto questo profilo, valga, in particolare, il riferimento fatto nei giudizi sulle lingue straniere (inglese e francese) alla circostanza che l’elaborato era "per lo più" e non "totalmente" corretto».

I genitori sono stati condannati a pagare le spese legali quantificate in mille euro.

Ma il caso dei genitori di Canicattì non è isolato. Tanto che il presidente del Consiglio di Stato, Alessandro Pajno, all’inaugurazione dell’anno giudiziario amministrativo, ha detto: c'è una «difficoltà di accettare la decisione dell’autorità» che «trova ulteriore espressione nei ricorsi con cui talvolta i genitori contestano la bocciatura dei propri figli a scuola».

E del resto, basta scorrere le sentenze depositate nei mesi scorsi per avere un’idea. Il Tar Sicilia, per esempio, ha respinto il ricorso dei genitori di una ragazza iscritta alle medie, contestando la bocciatura. La sentenza, però, non lascia dubbi: «il giudizio di non ammissione dell’alunna alla classe successiva risulta ampiamente e adeguatamente motivato in ragione del numero delle assenze» e anche «a prescindere dalle assenze, i voti conseguiti durante l’anno (e non contestati) non consentirebbero il superamento dello scrutinio finale».

Stessa sorte a Termoli (Campobasso) per il ricorso della mamma di uno studente dell’ultimo anno delle medie. E non è andata meglio a una studentessa di un istituto magistrale con "gravi insufficienze in fisica, inglese e matematica/informatica» e «lacune nella preparazione di base di alcune discipline": il suo tentativo di vedersi ammessa, facendo leva su una «disparità di trattamento», non ha fatto breccia nei giudici di Firenze.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 3
  • Carmelo

    30 Gennaio 2018 - 16:04

    Solo mille euro? Il costo di una causa vale almeno dieci volte tanto. Inoltre, questo la dice lunga sulla litigiosità italica.

    Rispondi

  • Personacherespira

    Personacherespira

    07 Febbraio 2018 - 23:11

    Iu m'abbriugnassi

    Rispondi

Mostra più commenti

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

Qua la zampa

GOSSIP