home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Palma, scritte inneggianti la mafia sui muri della scuola

E’ successo al plesso Carnara dell’Odierna. La Procura ha aperto un’inchiesta

Palma, scritte inneggianti la mafia sui muri della scuola

Palma di Montechiaro. "Palma = mafia", e ancora "Qui comandiamo noi". Sono solo alcune delle scritte apparse sulla facciate esterne dell'edificio, sede del Liceo Scientifico statale "Odierna", del plesso "Carnara", di Palma di Montechiaro. Scritte come tante, ancora, se ne trovano in giro per il meridione, ma che indignano senza dubbio. Ma in questo caso è ancora più grave di quanto non lo sia già la semplice scritta, che manifesta l’esistenza di un “sottobosco” culturale, che non viene scalfito da anni di lotta alla mafia, per la scelta di lasciarle all'interno del perimetro di una scuola.

Quasi sicuramente più ignoti individui, ieri notte, approfittando dell'oscurità e della zona deserta, con delle bombolette spray di colore nero, ha imbrattato i muri della struttura scolastica. Tra le altre scritte: "Stidda" e "Vogliamo rispetto". Concluso il raid i protagonisti se ne sono andati senza, che altri potessero vederli. Sulla vicenda la Procura di Agrigento ha aperto un’inchiesta. La scoperta all'orario di apertura dell'istituto. A fare la segnalazione sono stati alcuni collaboratori scolastici. Immediatamente è stato avvertito il dirigente scolastico, e poi il centralino del 112. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, i quali hanno provveduto a effettuare un sopralluogo, alla ricerca di elementi utili a risalire ai responsabili. Poi le scritte sono state ricoperte. Una nota è stata inviata alla Procura.

Una speranza per dare un nome a uno o più autori, potrebbe arrivare dalle testimonianze, oppure si spera di ricavare qualcosa dalle immagini di qualche telecamera presenti nella zona in questione, che avrebbero potuto riprendere i protagonisti prima o dopo essere entrati in azione. C'è da capire anche il motivo, che ha spinto a mettere in atto il gesto che, ha senza dubbio indignato e infastidito docenti, studenti, istituzioni e cittadini.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa