Notizie locali
Pubblicità

Agrigento

La Corte sportiva di appello accoglie il ricorso di un club agrigentino di calcio a 5

Di Redazione

Un’importante società sportiva dell’Agrigentino, in seguito alla disputa, nello scorso mese di gennaio, di una partita di calcio a 5 nell’ambito del campionato di C2, si è vista costretta a ricorrere avverso il provvedimento del Giudice Sportivo Territoriale, con il quale, sulla scorta di quanto riportato nel referto arbitrale, ha ritenuto di dover inibire il Presidente fino al 30 giugno prossimo e squalificare alcuni calciatori per tre giornate di gara. Più in particolare, al Presidente veniva contestato un “contegno aggressivo nei confronti dell’arbitro, lanciando altresì un giubbino all’indirizzo dello stesso, colpendolo alla testa con la cinghietta della cerniera, provocando un bernoccolo, a fine gara, dopo avere scavalcato la ringhiera che delimita il terreno di gioco”, mentre ai giocatori veniva contestato un “grave contegno irriguardoso nei confronti dell’arbitro a fine gara”.

Pubblicità

Sulla scorta dell’infondatezza dei fatti addebitati, la Società Sportiva agrigentina ha deciso di impugnare i suddetti provvedimenti disciplinari, proponendo appello presso la Corte Sportiva di Appello Territoriale. In particolare, nel ricorso si specificava che il Presidente non era indicato in distinta per cui l’identificazione fattane dal DDG era del tutto arbitraria e che i fatti così come riportati in referto e allo stesso addebitati non erano mai stati commessi nemmeno da altri soggetti; Inoltre, lo stesso club per quanto attiene le squalifiche a carico dei calciatori queste apparivano sproporzionate in ragione del fatto che costoro si erano limitati solo a delle proteste verbali.
Con provvedimento del 5 febbraio scorso, la CSAT 20 ha ritenuto di accogliere il ricorso, promosso dall’Avv. Maria Saia, “in ordine al quantum della sanzione poiché il lancio del giubbino all’indirizzo dell'arbitro deve essere considerato alla stregua di un fatto gravemente offensivo dovendosi escludere in capo all’autore ogni volontà di voler arrecare un danno fisico in ragione dell’inidoneità dell’oggetto usato. La lamentata tumefazione causata dalla cinghietta della cerniera deve considerarsi del tutto casuale e non prevedibile senza contare che quanto riferito dall’arbitro deve, in assenza di qualsivoglia certificazione medica, considerarsi, sicuramente, di piccola entità e del tutto transitoria tanto da non lasciarne traccia alcuna per la qual cosa si ritiene di rideterminare a tutto il 15 maggio 2019 l’inibizione a carico del Presidente. Auspichiamo per il futuro che la Giustizia Sportiva possa offrire maggiori possibilità di difesa avverso i referti arbitrali".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: