Notizie locali
Pubblicità
Messa in una busta di plastica chiusa: cagnolina in fin di vita

Agrigento

Messa in una busta di plastica chiusa: cagnolina in fin di vita

Di Gaetano Ravanà

Ogni giorno tocchiamo con mano l indifferenza, la crudeltà e l odio nei confronti degli animali ma oggi è stato toccando il fondo più totale. Da parte di tante figure.

Pubblicità

Questa povera anima che si vede nella foto è stata chiusa in un sacco della spazzatura e lasciata a bordo strada, con quel briciolo di forza che le era rimasto avrà a suo modo cercato di chiedere aiuto a chi gli è passato accanto.

"È stato ore lì per terra - si legge in una nota del Rifugio Hope di Agrigento - in quella bara di plastica che le hanno legato addosso. Abbiamo visto la sua foto da un social network, a distanza di ore andando sul posto indicatoci ERA ANCORA Lì! È stato subito recuperato e di corsa portato in clinica veterinaria. Questa storia non è solo di indifferenza, questa non è una storia solo di crudeltà, questa è una storia di vergogna assoluta perché metterei 100 mani sul fuoco che tutti quelli che l hanno visto non gli hanno dato soccorso portandolo dal veterinario perché l ignoranza che regna nei cuori di molte persone gli avrà fatto credere che poteva essere contagioso. O il problema era che è sporco e fa cattivo odore? Ah no forse il problema è che non è un cane di taglia piccola e quindi di facile adozione? Una creatura che soffre va aiutata, a prescindere da quale sia la sua taglia a prescindere dal colore, a prescindere dall impegno che potrà servire per gestirla. Viviamo in una società in cui ormai qualunque cosa viene pubblicata sui social, spesso si parla di questo come una cosa negativa ma oggi se siamo qui e abbiamo potuto dare aiuto a questa piccolo è solo grazie ad un post su Facebook. Le condizioni sono gravissime, i veterinari stanno provando in tutti i modi a dargli aiuto per salvarlo".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: