Notizie locali
Giochi d'azzardo, nell'Agrigentino spesi oltre 300mila euro nel 2018

Agrigento

Giochi d'azzardo, nell'Agrigentino spesi oltre 300mila euro nel 2018

Di Redazione

In una provincia povera come quella agrigentina, dove una gran fetta di gente non riesce a sbarcare il lunario, è facile trovare tantissime persone che tentano la fortuna. Il gioco d'azzardo, nel 2018 è ammontato a circa 308 milioni di euro, una cifra spaventosa che ha perfino rovinato delle famiglie. Ma questo è un dato ufficiale, ma purtroppo, non è facile riscontrare i soldi spesi dagli agrigentini nei vari siti on line.

Pubblicità

Lotto, superenalotto, scommesse sportive e chi più ne ha più ne metta. Ormai, si scommette su tutto ed anche in questi giorni dove bisogna rimanere a casa per il Coronavirus, si notano ancora delle persone che scommettono sui giochi dei monopoli di Stato. Le agenzie di scommesse e il Bingo sono chiuse al pubblico, ma chi ha voglia di giocare può farlo tranquillamente a casa.

Questo nel dettaglio, quanto si è scommesso nei 43 comuni dell'Agrigentino:  nel capoluogo la raccolta complessiva è di 59.055.177 euro; ad Alessandria della Rocca 1.021.283 euro; ad Aragona 6.573.544 euro; a Bivona 1.554.223 euro; a Burgio 2.274.219 euro; a Calamonaci 314.234 euro; a Caltabellotta 1.902.764 euro; a Camastra 1.026.950 euro; Cammarata 3.268.407 euro. A Campobello di Licata 3.711.602 euro; a Canicattì 35.856.703 euro; a Casteltermini 5.228.183 euro; a Castrofilippo 2.037.526 euro; a Cattolica Eraclea 1.833.085 euro; a Cianciana 1.489.109 euro; a Comitini 120.205 euro; a Favara 22.763.745 euro; a Grotte 2.273.201 euro; a Joppolo Giancaxio 568.587 euro; a Lampedusa e Linosa 9.961.391 euro. A Licata 23.978.256 euro; a Lucca Sicula 1.013.061 euro; a Menfi 8.463.848; a Montallegro 1.490.059 euro; a Montevago 1.968.257 euro; a Naro 1.829.271 euro; a Palma di Montechiaro 8.732.677; a Porto Empedocle 14.581.951 euro; a Racalmuto 3.756.404 euro; a Raffadali 5.306.410 euro; a Ravanusa 2.963.706 euro; a Realmonte 2.274.062 euro; a Ribera 10.595.746 euro; a Sambuca di Sicilia 3.179.856 euro; a San Biagio Platani 1.459.220 euro. A San Giovanni Gemini 7.596.432 euro; a Sant’Angelo Muxaro 677.133 euro; a Santa Elisabetta 991.306; a Santa Margherita Belìce 5.850.009 euro; a Santo Stefano Quisquina 3.155.375 euro; a Sciacca 30.751.866 euro; a Siculiana 2.678.066 euro; a Villafranca Sicula 1.040.315 euro.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: