Notizie locali
Pubblicità
Inchiesta Melabranche: gli indagati tornano liberi

Agrigento

Inchiesta Malebranche: gli indagati tornano liberi

Di Gaetano Ravanà

Il Tribunale del Riesame di Palermo, accogliendo le richieste dei difensori, ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare nell’ambito dell’inchiesta “Malebranche” sul gruppo Pelonero e presunte bancarotte fraudolente, per un ammontare di oltre 5 milioni di euro, ed ha disposto l’immediata scarcerazione dei nove componenti della famiglia Sferrazza, e della commercialista agrigentina, tutti finiti ai domiciliari.

Pubblicità

Tornano liberi Gaetano Sferrazza 78 anni, Gioacchino Sferrazza 54 anni, Maria Teresa Cani 54 anni, Gaetano Sferrazza 30 anni, Fabiana Sferrazza 26 anni, Diego Sferrazza 51 anni, Giovanna La Licata 51 anni, Gaetano Sferrazza 28 anni, Clelia Sferrazza 23 anni, Graziella Falzone 53 anni.

I componenti della famiglia Sferrazza sono noti per essere imprenditori, attraverso il gruppo “Pelonero”, con diversi punti vendita e negozi di articoli per la casa, giocattoli, scarpe, e prodotti natalizi, tra il Villaggio Mosè, San Giusippuzzu, e Favara.

L’operazione “Malabranche” perché, secondo l’accusa, la famiglia Sferrazza avrebbe creato delle società, e dopo aver comprato diverse centinaia di migliaia di euro di merce, non avrebbe pagato i fornitori, dichiarando fallimento , non prima di averle svuotate di tutto.

Gli Sferrazza sono difesi dagli avvocati Daniela Posante, Giovanni Castronovo, Chiara Proietto, e Antonella Arcieri.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: