Notizie locali
Pubblicità
Il traghetto non arriva e Lampedusa resta...senza sigarette

Agrigento

Il traghetto non arriva e Lampedusa resta...senza sigarette

Di Elio Desiderio

Lampedusa (Agrigento) - Rimaste a corto di sigarette le due rivendite che ci sono sulla più grande delle Pelagie. "È assurdo - ha spiegato Pino Maggiore, proprietario del tabacchi più grande dell'isola -, la nave avrebbe dovuto portare il carico di sigarette già da due giorni ma prima per il maltempo poi per un avaria al motore, non sta arrivando. Abbiamo finito tutto; persino le sigarette che solitamente nessuno compra. Speriamo che la nave arrivi presto perché altrimenti non so cosa succederà". Nel frattempo, nella tabaccheria continuamente entrano persone, molti i turisti, che cercano sigarette. Prese d'assalto anche le macchinette distributrici; i fumatori arrivano e sperano in un miracolo ma le macchinette sono vuote già da giorni.

Pubblicità

"Il problema nel problema - ha continuato Pino Maggiore - è che buona parte delle sigarette le acquistano per il centro di accoglienza e per i migranti che stanno sulle navi quarantena. Ogni volta che attraccano queste navi, infatti, l'equipaggio arriva e acquista centinaia di stecche di sigarette e le portano a bordo". Nel frattempo sull'isola si stanno cercando soluzioni alternative per fare arrivare le sigarette; aerei di linea e aliscafo, con i fumatori che si stanno "attrezzando" facendosi portare qualche pacchetto da amici o parenti in arrivo. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: