Notizie locali
Pubblicità
Licata, carabinieri accerchiati e aggrediti da una famiglia che voleva “difendere” ricercato

Agrigento

Licata, si strappa il braccialetto elettronico. Arrestato nuovamente

Di Gaetano Ravanà

Ha strappato il braccialetto elettronico, evadendo dalla casa dov’era agli arresti domiciliari. I carabinieri di Licata arrestato – per evasione dai domiciliari il ventenne Francesco Amatore, ammanettato lo scorso 23 giugno per l’ipotesi di reato di tentato omicidio. Il giovane era stato accusato di avere inferto una coltellata alla nuca al compagno della madre. Nella tarda mattinata di ieri, l’arresto del giovane licatese è stato convalidato. Il giudice ha disposto la sua sistemazione in una comunità dell’Agrigentino. Nel pomeriggio del 23 giugno scorso, al pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” di Licata è arrivato, con una ferita da arma da taglio alla nuca, un ventisettenne. I carabinieri, avvisati dai medici, in poche ore, hanno interrogato il ferito ed è scattato l’arresto per il ventenne che è stato trasportato in carcere. All’origine del gesto pare ci sarebbe la gelosia dell’indagato nei confronti dell’uomo con cui avrebbe avuto diversi litigi. Fino ad arrivare all’aggressione che per poco non scaturiva in tragedia.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA