Notizie locali
Pubblicità
Coronavirus, due studenti e una insegnante positivi al liceo Politi di Agrigento

Agrigento

Coronavirus, chiuso anche il liceo Politi di Agrigento dopo il classico Empedocle

Di Gaetano Ravanà

Non chiuderanno, da lunedì, le scuole a Porto Empedocle, Lampedusa e Linosa. Nei due Comuni dell’Agrigentino, infatti, i 250 casi positivi al Covid su 100mila abitanti, inseriti nel report dell’assessorato alla Salute, comprendono anche i migranti e quindi non computabili quale criterio per determinare la chiusura degli istituti. Pertanto, il presidente della della Regione Nello Musumeci ha cambiato l’ordinanza. “Negli istituti di Lampedusa, Linosa (e Porto Empedocle) non ci sono casi Covid, ho segnalato l’errore all’Assessorato alla Salute, il provvedimento è stato corretto”, dice il sindaco delle Pelagie Salvatore Martello.

Pubblicità

Il presidente della Regione Nello Musumeci aveva firmato ieri sera un’ordinanza, con la quale stabiliva la chiusura delle scuole dall’8 al 13 marzo in alcuni Comuni della Sicilia, e nell’elenco risultavano inizialmente anche il Comune di Lampedusa e Linosa. “Ho immediatamente contattato l’Assessorato regionale alla Salute – ha aggiunto Martello -, per segnalare che nelle nostre scuole al momento non risulta nessun caso di positività al Covid. L’inserimento Comune di Lampedusa e Linosa è stato dovuto, evidentemente, ad un errore nella comunicazione dei dati. Dall’Assessorato hanno subito provveduto a fare rettificare l’ordinanza. Le scuole di Lampedusa e Linosa resteranno dunque aperte”.

Intanto, dopo i 5 casi registrati al liceo classico Empedocle, altri 4 studenti del liceo delle scienze umane Politi di Agrigento sono risultati positivi al coronavirus. Per questo l’Asp, preso atto delle modalità d’insorgenza dell’infezione, della velocità di propagazione per sospetta variante inglese e dell’alto numero di contati stretti e di contatti occasionali, ha proposto al sindaco la sospensione temporanea dell’attività didattica in presenza del Liceo Politi da domani , 5 marzo a venerdì 19. Una proposta che è stata subito accolta dal sindaco Franco Miccichè che, anche per questa scuola, ha disposto la sospensione temporanea dell’attività. “Purtroppo dalle scuole tornate alla didattica in presenza – commenta il primo cittadino- arrivano i primi segnali negativi”.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: