home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Palma di Montechiaro, interdizione dall'ufficio per 11 comunali

Il provvedimento cautelare è stato disposto dal Gip Alfonso Malato

Palma di Montechiaro, interdizione dall'ufficio per 11 comunali

PALMA DI MONTECHIARO - Arrivano i primi provvedimenti per alcuni degli indagati coinvolti nell’inchiesta sull’assenteismo al Comune di Palma di Montechiaro. Per undici di essi il Gip del Tribunale di Agrigento, Alfonso Malato, ha depositato il provvedimento cautelare: trenta giorni di interdizione. La decisione arriva a sette giorni dall’ultimo interrogatorio dei tredici dipendenti "infedeli", che dopo aver timbrato il cartellino uscivano dagli uffici del Municipio della città del Gattopardo. Analizzate le posizioni di ciascuno, dopo un lungo ed accurato studio caso per caso, il Gip ha messo nero su bianco le sue decisioni nei confronti di undici dipendenti. Loro nel corso degli interrogatori (difesi dagli avvocati Santo Lucia e Francesco Scopelliti), chi scegliendo di parlare, chi al contrario avvalendosi della facoltà di non parlare, avevano comunque cercato di chiarire la propria posizione. E due stando ai provvedimenti emanati ci sono riusciti. In altre parole hanno portato all'attenzione del giudice valide giustificazioni, che sono valse a far cadere le accuse nei loro confronti, o meglio a non ottenere misure sospensive.

 

Cosa diversa per le altre 11 persone che al contrario, magari pur rispondendo al giudice in sede di interrogatorio non sono riusciti a far venir meno le pretese punitive frutto del lavoro di indagine della Procura. L'ordinanza del Gip è stata depositata nelle scorse ore, ergo i destinatari della misura della sospensione non hanno ancora ricevuto la notifica da parte dei carabinieri. La riceveranno nelle prossime ore e dal momento del ricevimento scatterà la sospensione dal lavoro con tutte le conseguenze del caso. Ma queste sono solo indiscrezioni, la reale portata dell'inchiesta, coordinata dal procuratore capo Luigi Patronaggio e dal sostituto procuratore Alessandra Russo (titolare del fascicolo), promette altre sorprese nei prossimi giorni. Infatti, come detto, a fronte anche della richiesta di misure cautelari, ad oggi il Gip agrigentino, avrebbe deciso di sospendere dal servizio per un mese solo undici dei tredici dipendenti, per i quali la Procura aveva chiesto l'interrogatorio, a fronte di un numero complessivo di 34 indagati. L'indagine sull'assenteismo al Comune di Palma, è condotta sul campo dai carabinieri della Compagnia di Licata, agli ordini del capitano Marco Currao. E l'indagine, che come si ricorderà, già ha portato alla scoperta di situazioni davvero imbarazzanti, naturalmente tutte ancora da verificare in un'eventuale ambito processuale, ma comunque almeno moralmente e socialmente significative. Situazioni di dipendenti beccati in giro a fare la spesa, durante l'orario di servizio, con tanto di tesserino magnetico timbrato, magari da altro dipendente, come se nulla fosse. Ed ancora di dipendenti che pur avendo timbrato il cartellino ergo in teoria impegnati nelle incombenze di ufficio, uscivano dal Comune per andare al bar o andavano a compere.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

Qua la zampa

GOSSIP