home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Agrigento, tre gare in una settimana per dare linfa alla città

Appalti per lo scavo per il teatro greco, il palacongressi e il museo civico

Agrigento, tre gare in una settimana per dare linfa alla città

Tre gare d’appalto in una settimana per cambiare, dalla Valle alla periferia, passando per il centro storico, il volto della città.

In due casi si tratta di processi conclusi: oggi si apriranno infatti le buste per quanto riguarda la seconda tranche di lavori di scavo nell’area del teatro Ellenistico: circa 400mila euro in totale (salvo ribasso) per continuare le attività di ricerca e fruizione. Già pronta, come noto, anche la fase 3, per la quale sono però disponibili ben 2 milioni di euro provenienti dalla Regione Siciliana.

Un giorno in più e sarà il turno di vagliare le offerte ricevute per gli interventi di manutenzione ordinaria del Palacongressi: 440mila euro (sempre salvo sconti) per ripristinare gli impianti della struttura e consentirne, in tempi relativamente brevi, la nuova fruibilità.

Una strada “nuova” da intraprendere, invece, è quella che riguarda i lavori di completamento e allestimento del Museo Civico, progetto risalente negli anni ma riportato alla “vita” dall’attuale Amministrazione. Completati i compiti di tipo progettuale, per lungo tempo rimasti abbandonati nei cassetti, venerdì sarà pubblicato in gazzetta ufficiale il bando per gli interventi, che prevederanno la manutenzione complessiva del bene, il completamento del secondo piano e le strutture necessarie per l’allestimento, il cui progetto è stato curato da Università di Palermo e Soprintendenza ai Beni culturali di Agrigento. Importo, circa un milione e mezzo di euro per alcuni mesi di lavori. “E’ un traguardo che arricchirà l’offerta dei siti culturali a Girgenti – è il commento del sindaco Firetto – e che va inserito in una visione unica insieme al progetto di spostamento dell’università a Palazzo Tomasi e l’Accademia di Belle arti in via Bac Bac. Il tutto non dimenticando i risultati straordinari che l’Arcidiocesi ha ottenuto con il Mudia”. Il Civico, del resto, era nato per essere inserito in una rete museale complessa nel centro storico e, soprattutto, per ospitare tele e beni oggi ospitati all’ex Collegio dei Filippini.

Per tre gare d’appalto che vanno verso la concretizzazione, altri progetti, già affidati, rimangono in attesa di essere operativi. Per citare solo due casi, il Comune è oggi in attesa del “via libera” da parte del Ministero per l’Interno per i lavori di completamento della palestra polidistrettuale di via La Malfa (che ha da poco ricevuto il collaudo statico), mentre non si hanno notizie del progetto “Terravecchia”, dove era necessario ri-realizzare i calcoli strutturali per la parte pubblica del piano di riqualificazione.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

Qua la zampa

GOSSIP