home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Si schianta «Gazzella», grave un carabiniere

A Licata, lungo la Statale 115, i militari inseguivano un’auto con a bordo extracomunitari quando si sono scontrati con un’auto di passaggio

Si schianta «Gazzella», grave un carabiniere

Licata (Agrigento) - Due carabinieri in servizio su una 'Gazzella', sono rimasti feriti, uno dei quali in maniera grave, nello scontro con un'altra vettura, guidata da un giovane. L'incidente stradale si è verificato, nel corso di un inseguimento di un’auto, con a bordo dei soggetti sospetti, probabilmente malviventi dell'Est Europeo in trasferta nell'Agrigentino. È successo nella tarda serata di giovedì, lungo la strada statale 115, nel tratto da Licata verso Gela, in località «Falconara». I due carabinieri prestano servizio al Nucleo Radiomobile della Compagnia di Licata.

Si trovavano in giro di perlustrazione del territorio cittadino, sull'auto di servizio, una Seat Leon consegnata da pochi mesi. Proprio in quei momenti un altro Comando dell'Arma, ha segnalato la presenza di un veicolo diretto verso la provincia di Agrigento, su cui viaggiavano, a quanto pare, almeno tre individui stranieri, giunti nella nostra zona, forse con le intenzioni di compiere un'azione delinquenziale. La 'Gazzella" ricevuta la segnalazione si è messo sulle tracce del mezzo sospetto. Sono bastate alcune ricerche per individuarlo. Ne è nato un inseguimento durato però pochi metri. In quei momenti, infatti, è sopraggiunta una Fiat Punto, con alla guida un gelese di 24 anni, che è entrata in collisione con la macchina della Benemerita. L’incidente è stato particolarmente violento, tanto che i due mezzi coinvolti hanno riportato grossi danni. Sia i due carabinieri, che il nisseno, sono rimasti feriti. Il più grave, un appuntato, che si trovava alla guida della 'Gazzella". Sul luogo dello schianto sono immediatamente intervenuti il personale medico del 118, oltre ai Vigili del fuoco del distaccamento di Licata, che hanno contribuito a liberare dall’abitacolo il militare gravemente contuso, che è stato trasferito al pronto soccorso dell’ospedale «San Giacomo d'Altopasso». Non versa in pericolo di vita. Ma gli sono state diagnosticate traumi sparsi, tra cui la frattura del bacino. La prognosi è di 50 giorni salvo complicazioni.

L'altro carabiniere e il ragazzo sull'utilitaria, hanno riportato lievi lesioni. Guariranno in dieci e sette giorni. Ad occuparsi dei rilievi gli agenti della Polizia Stradale di Gela. L'auto con i fuggitivi è riuscita a fare perdere le tracce, probabilmente tornata indietro per evitare guai.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

Qua la zampa

GOSSIP