home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Campo: «Un marchio Dopo per i prodotti della Valle Valle dei Templi»

Prima intervista al presidente dell'Ente Parco archeologico designato giorni fa dalla Regione

Valle dei Templi è prima per Premio Paesaggio Italiano

AGRIGENTO - Un marchio “Dop”, la Denominazione origine protetta, per i prodotti agricoli coltivati all'interno della Valle dei Templi. E' questo uno dei progetti, già sondati e accarezzati, che il nuovo Consiglio del Parco potrebbe portare avanti nei prossimi anni. Ad anticiparlo è Bernardo Campo, nuovo presidente dell'organo politico di gestione e programmazione del Parco archeologico e paesaggistico di Agrigento.

“Andrò a guidare un Ente che può programmare e può supportare il direttore del Parco che già fatto benissimo e continuerà a fare bene nei prossimi anni – spiega -. Il Consiglio dovrà aprirsi al territorio, sfruttando la propria peculiarità di ente con competenze amministrative, ma anche di natura assolutamente tecnica. Questo mettendo a frutto le personalità che ne faranno parte, con la Soprintendenza che si occuperà di garantire la tutela del patrimonio, e l'ingegnere Alessandro, che all'interno dell'assessorato il servizio di valorizzazione che serve alle strutture culturali per poter uscire dal territorio”.

Quali saranno i primi obiettivi? Ad esempio, da anni si attende che venga approvato il Piano del Parco..

“E' un problema del quale già mi ero iniziato ad occupare durante la mia fase commissariale. Lo porteremo all'ordine del giorno al Consiglio al più presto, perché il piano è fermo da mesi all'Assessorato Territorio Ambiente, il quale però deve dare una velocizzazione ad una eventuale approvazione del piano. Ma non è questo l'unico punto del quale vogliamo occuparci. La nostra missione sarà quella di rendere la Valle una opportunità per il territorio, un luogo di aggregazione soprattutto per i Comuni dell'area della Valle. Non possiamo rivolgerci unicamente al centro capoluogo, che pure rimane un partner importante, ma dobbiamo ampliare l'orizzonte di possibili collaborazioni”.

E in tal senso avete già delle idee?

“Per fare un singolo esempio: non esiste oggi un marchio 'Dop Valle dei Templi'. Nonostante si producano mandorle, olio e vino, questi non hanno il riconoscimento di denominazione protetta. Si pensi cosa potrebbe significare come valore aggiunto. Tra l'altro noi siamo un parco Paesaggistico, e le colture di un territorio sono parte essenziale del paesaggio di una terra. E' una possibilità sulla quale stiamo comunque già lavorando. C'è stato un incontro il sottosegretario all'Agricoltura Castiglione per individuare il percorso da seguire”.

Quest'anno, tra l'altro, alla Valle dei Templi cambia tutto: arrivano i privati a gestire il patrimonio..

“Lo vogliamo vedere come un ulteriore aiuto alla promozione del territorio. Dobbiamo essere noi bravi a sorvegliare e contemporaneamente a cercare di sfruttare l'opportunità che i servizi aggiuntivi possono rappresentare in termini di miglioramento dell'offerta e possibile maggiore recettività del nostro patrimonio”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

Qua la zampa

GOSSIP