Notizie locali
Pubblicità

Archivio

Operazione «Perseo» Sequestrati beni per 4 milioni

I carabinieri hanno eseguito un provvedimento disposto dal Tribunale di Palermo nei confronti di tre persone ritenute organiche a Cosa nostra palermitana
Di Redazione

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo hanno eseguito su disposizione della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo, tre decreti di sequestro beni per un valore complessivo di oltre 4 milioni di euro. I provvedimenti, finalizzati alla confisca, sono stati eseguiti nei confronti di Giuseppe Lo Verde di 57 anni accusato di aver fatto parte della famiglia mafiosa di Palermo – Tommaso Natale, di Giuseppe Perfetto, palermitano di 57 anni accusato di aver gestito le estorsioni per conto della famiglia mafiosa di Palermo – Corso Calatafimi) e di Antonino Freschi, palermitano di 56 anni accusato di avere svolto ruolo di intermediario, per conto della famiglia mafiosa di Palermo – Villagrazia, nell'acquisto di cocaina, e per aver messo a disposizione i locali per la raffinazione. Tutti e tre sono stati arrestati nell'ambito dell'operazione «Perseo», del dicembre 2008, che aveva permesso di far fallire il tentativo di ricostituzione della commissione provinciale di Cosa nostra palermitana. Le indagini sui tre, svolte attraverso una serie di accertamenti patrimoniali sui beni, ha consentito di individuare un patrimonio di oltre 4 milioni di euro che, secondo l'accusa, sarebbe stato illecitamente accumulato con i proventi derivanti da anni di estorsioni, traffico di armi e traffico internazionale di stupefacenti. La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo ha così accolto la tesi investigativa dalle quali è emersa una netta sproporzione tra i redditi dichiarati ed i beni mobili ed immobili nell'effettiva disponibilità degli stessi emettendo così i provvedimenti che hanno riguardato numerose società, quote societarie, fabbricati, appartamenti, ville, appezzamenti di terreno, autoveicoli e rapporti bancari. Nel dettaglia a Lo Verde è stato sequestrato l'intero capitale della società «Sicilcolor s. r. l. di Palermo, un appezzamento di terreno a Palermo e cinque conti bancari. A Perfetto sono stati sequestrati due appartamenti tra Palermo e Pollina, un magazzino a Palermo; due villini siti a Termini Imerese, un terreno a Termini Imerese, due autovetture e dieci conti bancari; A Freschi sono state sequestrate tre imprese individuali a Palermo, operanti nel settore della vendita all'ingrosso di giocattoli e di bigiotteria, il 60%, della società «Sud Ingrosso & Co s. r. l. » di Palermo, operante nel settore della vendita di giocattoli, un villino a Casteldaccia, un terreno a Casteldaccia e 14 conti bancari.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA