Notizie locali
Pubblicità

Archivio

Catania, delitto di Maria Concetta Velardi Il gip dice no alla riesumazione della salma

Il giudice: «Non serve». La difesa: «Tracce dell'assassino»
Di Redazione

Il Gip Alessandro Ricciardolo ha rigettato la richiesta riesumazione della salma di Maria Concetta Velardi, la vedova 59enne uccisa con colpi di pietra il 7 gennaio scorso nel cimitero di Catania, ritenendola non necessaria alle indagini. Contro questa decisione il legale del figlio della vittima, l'avv. Giuseppe Lipera, ha ricorso in Cassazione, sostenendo che nell'area sacrale della vittima c'era un «unghiata» con possibile materiale biologico dell'aggressore e quindi dell'assassino.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA