Notizie locali
Pubblicità

Archivio

Avola, gli negano il metadone e lui spara tre colpi di fucile

Panico al pronto soccorso dell'ospedale Di Maria di Vola. L'uomo, Corrado Scala, 43 anni, è stato fermato mentre tentava la fuga a bordo della sua auto
Di Redazione

Ha chiesto siringhe e metadone al pronto soccorso dell'ospedale “Di Maria” di Avola. Ma al rifiuto del personale sanitario, un uomo di Avola, Corrado Scala, 43 anni, disoccupato, è tornato in auto, si è armato di un fucile a canne mozze, ed è tornato nel reparto di primo intervento cominciando a sparare. Tre i colpi esplosi, uno dei quali ha centrato un computer davanti al quale stava lavorando un medico. Mentre sanitari, infermieri e pazienti in attesa scappavano, l'uomo è tornato in auto e si è diretto in autostrada. I carabinieri lo hanno intercettato tra Cassibile e Avola. È stato posto in stato di fermo. Gli investigatori stanno acquisendo le immagini delle videocamere di videosorveglianza dell'ospedale. Alcuni pazienti sono stati trasferiti all'ospedale Trigona di Noto. Scala è accusato di detenzione di arma clandestina e danneggiamento aggravato. Dopo avere sparato, è fuggito a bordo della sua auto ma a causa della forte velocità ha perso il controllo del mezzo terminando contro un muretto a secco ai lati della carreggiata dopo avere anche investito un ciclista che ha riportato alcuni traumi ma non è in pericolo di vita.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA