Notizie locali
Pubblicità

Archivio

Dybala illude il Palermo poi la Lazio si sveglia e vince in rimonta con super Candreva

All'Olimpico finisce 2 a1

Di Redazione

ROMA - Una gran bella Lazio ha battuto, fra le mura amiche, per 2-1 in rimonta, un comunque positivo e mai domo Palermo. Al termine di novanta minuti vibranti e carichi di emozioni, i biancocelesti hanno raccolto con merito tre punti importanti in chiave Champions League, in attesa dei risultati delle dirette avversarie nella corsa al terzo posto, ovvero Napoli e Fiorentina. Si è fermata invece la formazione siciliana, che ha dimostrato però, ancora una volta, di avere i numeri per giocare a viso aperto contro ogni rivale, ribattendo colpo su colpo, grazie soprattutto alle giocate del solito piccolo grande Dybala. Nei padroni di casa, orfani dello squalificato Felipe Anderson e degli indisponibili Basta, Ciani, Pereirinha, Gentiletti, Lulic, Djordjevic e Tounkara, Stefano Pioli ha optato per il consueto 4-3-3, inserendo dal primo minuto Cavanda, de Vrij, Mauricio e Radu a protezione di Marchetti; Cataldi, Biglia e Parolo sulla linea mediana; con il trio offensivo composto da Candreva, Klose e Mauri. Negli ospiti, privi di Rigoni, fermato dal giudice sportivo, e degli infortunati Maresca e Bolzoni, Beppe Iachini è tornato al 3-4-2-1, dando spazio in avvio al trio Terzi, Gonzalez, Andelkovic schierato davanti a Sorrentino; a Morganella, Jajalo, Barreto e Lazaar in mediana; con Quaison e Vazquez a sostegno di Dybala. Dopo una piccola fase di studio, il match è entrato nel vivo al 13': Parolo è entrato in area e, dopo un sospetto contatto con Gonzalez, ha reclamato il calcio di rigore; l'arbitro Di Bello però ha lasciato proseguire. Al 15' Candreva ha iniziato la personale sfida con Sorrentino, mancando di poco il bersaglio. Poi, al 26', è giunto il gol dell'iniziale vantaggio del Palermo: Mauricio ha perso incredibilmente la sfera e Quison ha servito un assist al bacio per Dybala, come al solito freddo e implacabile a tu per tu con Marchetti. Un minuto dopo l'asso argentino, su invito di Vazquez, ha sfiorato il raddoppio in spaccata.

Pubblicità

 

Superato lo choc, i capitolini hanno raddrizato la gara con l'ennesimo sigillo di capitan Mauri, servito con un bel tap in da Cataldi. Nel finale del primo tempo Lazaar si è fatto ipnotizzare, mancando una ghiotta occasione per portare di nuovo in vantaggio i siciliani. In aperturta di ripresa ci ha provato Vazquez, con una botta deviata in corner da Marchetti; poi, via via, la Lazio ha preso possesso delle redini del gioco. Al 6' Sorrentino ha salvato su colpo di testa ravvicinato di Klose; al 20' Vazquez ha salvato i suoi, deviando sulla linea di porta un bel colpo di testa di Mauri. A seguire, al 27' e al 32', l'estremo difensore del Palermo si è superato sul solito Candreva, prima di capitolare al 33': la Lazio ha battuto un corner corto e il laterale azzurro ha finalmente vinto alla grande la sua sfida con Sorrentino. Candreva, infatti, prima ha superato Barreto e Jajalo e poi ha insaccato la sfera con un destro a girare potente e preciso, che ha sancito la bella e giusta vittoria dei capitolini.

 

IL TABELLINO.

Lazio (4-3-3): Marchetti 6,5; Cavanda 5,5, Mauricio 4,5, De Vrij 6, Radu 5; Cataldi 6,5, Biglia 5,5 (15' st Ledesma 6), Parolo 5,5; Candreva 7,5 (35' st Onazi sv), Klose 5 (29' Keita 6), Mauri 7. (1 Berisha, 77 Strakosha, 5 Braafheid, 27 Cana, 85 Novaretti, 10 Ederson, 34 Perea). All.: Pioli 6,5. Palermo (3-5-2): Sorrentino 6; Terzi 6, Gonzalez 6,5, Andelkovic 5; Morganella 6 (39' st Rispoli sv), Quaison 6 (29' st Belotti 6), Barreto 6,5, Jajalo 5,5, Lazaar 6 (24' st Daprelà 6); Vazquez 6,5, Dybala 7. (1 Ujkani, 2 Vitiello, 5 Milanovic, 22 Ortiz, 14 Della Rocca, 18 Chochev, 96 Bentivegna, 10 Joao Silva). All.: Iachini. 6,5. Arbitro: Di Bello di Brindisi 6. Reti: nel pt 26' Dybala, 33' Mauri; nel st 33' Candreva. Angoli: 6-2 per la Lazio. Recupero: 0' e 6'. Ammoniti: Quaison, Parolo, Jajalo, Radu, Mauricio, Barreto e Rispoli per gioco falloso. Espulsi: Barreto per doppia ammonizione. Spettatori: 25mia circa.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: