Notizie locali
Pubblicità

Archivio

Catania, la discoteca era abusiva La Polizia sequestra il «Cantiniere»

La sala da ballo non aveva le autorizzazioni e l'agibilità e lo spazio sul marciapiede era stato occupato senza alcun permesso. La settimana scorsa una furibonda rissa, l'anno scorso scoperti lavoratori in nero e cibi non freschi
Di Redazione

CATANIA - Probabilmente in quel locale se la vanno a cercare, ma di certo da un po' di tempo il ristorante, wine bar e locale notturno “Il cantiniere” di Catania non ne azzecca proprio una. Ieri il personale della squadra amministrativa della questura di Catania ha effettuato un controllo al ristorante che si trova su viale Libertà e ha posto i sigilli alla sala da ballo del locale. La polizia ha accertato che il titolare, in una sala attigua al ristorante, aveva allestito una sala pubblica da ballo, con impianto luci, impianto hi-fi e postazione dj, senza essere in possesso della prescritta autorizzazione di polizia e del parere di agibilità dei luoghi rilasciato dalla Commissione comunale sui locali di pubblico spettacolo.   Al momento del controllo c'erano almeno 200 persone. La serata è stata quindi sospesa e il pubblico è stato fatto defluire per poi sottoporre a sequestro penale la sala adibita a discoteca. Il titolare è stato denunciato anche perché senza alcuna concessione rilasciata dal Comune di Catania aveva completamente invaso il marciapiede di viale Liberta e anche e una porzione della sede stradale antistante l'esercizio in argomento, per circa 150 metri quadrati, collocando 40 vasi per delimitare l'area, 14 tavoli, 2 panche, 20 sedie, 8 sgabelli, 11 poltroncine, 7 calorifici il tutto protetto in una tenso-struttura. NEI GIORNI SCORSI UNA RISSA E UN INCENDIO. Tra domenica e lunedì al «Cantiniere» poco dopo le due del mattino è scoppiata una rissa furibonda con diversi feriti. Poche ore dopo c'era anche stato un principio di incendio provocato da misteriosi attentatori con qualcuno che aveva versato liquido infiammabile sulla saracinesca ormai abbassata.   LO SCORSO ANNO LAVORATORI IN NERO E CIBO RANCIDO. Il 25 gennaio dello scorso anno il titolare del Cantiniere era invece stato denunciato perché nel corso di un blitz della polizia in vari locali della città nella sua vineria vennero trovati ben 12 lavoratori in nero sui 16 presenti oltre che per frode in commercio per aver somministrato ai clienti prodotti surgelati venduti per freschi.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: