Notizie locali
Pubblicità

Archivio

Regione, nuovo valzer di poltrone Giglione trasferito all'Urbanistica

Il dirigente generale dei Beni culturali “spostato” per incompatibilità con l'assessore Antonio Purpura: al suo posto nominato Gaetano Pennino. Maurizio Pirillo passa invece al dipartimento Territorio e Ambiente
Di Lillo Miceli

PALERMO - Un nuovo giro di valzer di dirigenti generali della Regione è stato fatto dalla Giunta di governo, presieduta da Rosario Crocetta. Il dirigente generale dei Beni culturali, Rino Giglione, per incompatibilità con l'assessore Antonio Purpura, è stato assegnato alla guida del dipartimento Urbanistica, mentre Maurizio Pirillo, che si è occupato finora di Urbanistica, passa al dipartimento Territorio e Ambiente. Così, dopo la forzata rinuncia di Marco Lupo a tornare nell'amministrazione regionale, l'assessore Maurizio Croce ha a disposizione i vertici burocratici che lo dovranno coadiuvare nel realizzare progetti di primaria importanza come la lotta al dissesto idrogeologico e le bonifiche delle aree inquinate da amianto (eternit) o dalla presenza di presidi industriali pesanti, come le raffinerie di petrolio. Dirigente generale dei Beni culturali, al posto di Giglione, è stato nominato Gaetano Pennino, capo della segreteria tecnica di Purpura. Pennino era già stato capo di gabinetto di Mariarita Sgarlata, l'assessore silurata per la presunta piscina abusiva, nonché commissario straordinario del Parco della Valle dei Templi di Agrigento. Una soluzione interna, dunque. La Giunta regionale, inoltre, ha rinnovato i contratti della dirigente generale del dipartimento Famiglia, Antonella Bullara, e di Calogero Foti, dirigente generale della Protezione civile. L'ARTICOLO COMPLETO SU “LA SICILIA” IN EDICOLA

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: