Notizie locali
Pubblicità

Archivio

La passione di Enna per la Pasqua tra processioni e confraternite

Di Cristina Catalano

ENNA - Sono in corso, da lunedì, i riti della Settimana Santa, che a Enna assumono una particolare solennità soprattutto il Venerdì. I vari cortei sono stati aperti lunedì mattina alle 11 dalla chiesa di Montesalvo e dai confrati di Maria Santissima della Visitazione (patrona della città) che si sono recati in processione sino alla chiesa Madre. Questi confrati, nella tradizione popolare prendono il nome di “Nudi” o “Ignudi”, poiché la prima volta che il simulacro della Madonna giunse ad Enna fu trasportato in spalla da agricoltori, i quali indossavano solo un pezzo di stoffa che fungeva da perizoma. Per commemorare la passione e morte di Gesù Cristo, le 16 Confraternite, composte da quasi 3000 confrati, sono uscite in processione ciascuna partendo dalla chiesa dove ha sede per dirigersi al Duomo. Alle ore 16 i confrati di Maria Santissima delle Grazie (chiesa di S. Agostino), invece, si sono incamminati per raggiungere il Duomo. Quest'ultima Confraternita, nel tempo, fu più volte smembrata per poi riottenere lo statuto nel 1970. A seguire, alle ore 17, è stata la volta, dalla chiesa di S. Tommaso, dei confrati del Santissimo Sacramento, i quali hanno il privilegio di chiudere la processione del Corpus Domini. A concludere la giornata del Lunedì Santo, troviamo la la Confraternita della Donna Nuova, che è uscita dalla chiesa omonima alle ore 19. In passato, potevano aderire a questo gruppo solo i proprietari di mulini e i cernitori di farina.   I festeggiamenti del Martedì Santo hanno avuto inizio alle 11 dalla Chiesa di S. Leonardo, da dove si partono i confrati del Santissimo Crocifisso di Pergusa (frazione di Enna). La loro peculiarità sta nelle tuniche, poiché sono gli unici a non portare mantella (utilizzata dalle Confraternite per distinguersi, infatti ognuna ha un colore diverso) e, inoltre, ricoprono il capo non con il tradizionale cappuccio a visiera in stoffa, ma con uno rigido a punta e in panno. Alle ore 16 è uscita la Confraternita dello Spirito Santo della chiesa di S. Bartolomeo; alle 17, dalla chiesa delle Anime Sante del Purgatorio di piazza Neglia, è uscita l'Arciconfraternita omonima. Alle 19, dal Santuario di S. Giuseppe, è partito l'omonimo Collegio, i cui confrati hanno l'onore di portare la Madonna che, nel giorno di Pasqua, si incontra con il Figlio, nella ricorrenza della “Paci”, per poi dividersi da lui sette giorni dopo durante la “Spartenza”.   Per il Mercoledì Santo alle 9.30 uscirà, dal Santuario di Valverde, la Confraternita di Maria Santissima di Valverde. Alle ore 13, dopo che tutte le Confraternite saranno riunite, verrà ufficiata la Messa al Duomo, con la successiva esposizione eucaristica. Seguirà la benedizione (fuori le mura della chiesa) sotto il Portale di S. Martino. In seguito l'ostensorio, tutto adornato d'oro e di gemme, contenente il corpo di Cristo, verrà portato in processione per il quartiere. Il Giovedì Santo a Valverde verrà allestito l'altare della Reposizione, che consiste nell'adornare Gesù all'interno del Sepolcro. La Settimana Santa ad Enna si concluderà Venerdì, giorno in cui tutte le Confraternite sfileranno insieme dando vita ad una processione estremamente suggestiva e soprattutto partecipata dall'intera comunità ennese.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: