Notizie locali
Pubblicità

Archivio

La Boschi: «Spero che Sicilia possa evitare commissariamento»

Il ministro per le Riforme istituzionali ad Acicastello per un incontro del Pd parla della delicata situazione delle finanze regionali. Crocetta la rassicura sulla riforma delle Province, Ardizzone la bacchetta sulla Costituzione
Di Redazione

ACI CASTELLO – «Mi auguro, ovviamente per la Sicilia e i cittadini siciliani, che non si debba arrivare ad un commissariamento della Regione, ma che si riesca a rispettare il piano di rientro, gli accordi presi». Lo ha detto il ministro per le Riforme istituzionali Maria Elena Boschi, a margine di un incontro del Pd ad Aci Castello. «Da parte del governo – ha aggiunto il ministro – credo che ci sia stata un'attenzione particolare anche per cercare di far fronte a delle situazioni particolarmente delicate, delle crisi occupazionali e situazioni di precariato, rispetto alle quali siamo intervenuti con delle risorse aggiuntive specifiche».   «Ovviamente – ha sottolineato Maria Elena Boschi – ci deve essere però un impegno in primis della Sicilia per la Sicilia. Noi di recente abbiamo già concluso un accordo con la Regione che, ovviamente, prevede anche un suo impegno, com'è giusto che sia, ma io credo che ci sia stato in questo anno un rapporto di leale collaborazione istituzionale anche per cercare di colmare alcuni ritardi che c'erano stati». «L'interesse principale da entrambe le parti – ha concluso il ministro – è stato quello di garantire servizi efficienti ai cittadini, metterli nelle condizioni di avere gli stessi diritti che hanno gli altri cittadini nel resto d'Italia, ovviamente stando attenti ai conti».   LA RISPOSTA DI CROCETTA «Stiamo avviando un processo di riforme importanti sia sa parte del Governo nazionale, sia da parte del governo regionale» ha detto dal canto suo il governatore Rosario Crocetta anch'egli presente ad Aci Castello. «Ho voluto rassicurare il ministro – ha aggiunto – sulla questione della riforma delle Province, che non esistono più e quindi il tema è come farle funzionare. Alcuni vorrebbero farcele costare di più invece noi vogliamo delle Province che agiscono come coordinamento, cioè i consorzi e le città metropolitane che hanno funzione di coordinamento, che costano di meno, riducono la spesa e aumentano l'efficienza. Per quanto riguarda le altre questioni – ha concluso Crocetta – ho voluto ringraziare per l'attenzione sulla nostra finanziaria da parte del presidente del Consiglio Renzi».   MA ARDIZZONE NON CI STA Da Palermo il presidente dell'Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, rimanda al mittente l'ipotesi del commissariamento: «Non è tanto grave – dice – che un ministro della Repubblica italiana non conosca lo Statuto siciliano, è invece gravissimo che ignori la Costituzione e soprattutto la sentenza 219/2013 della Suprema Corte con la quale è stata esclusa, qualsiasi possibilità di commissariamento, per dissesto finanziario, delle Regioni ordinarie e speciali». «Inviterei il ministro – continua Ardizzone – a trascorrere qualche week end in Piemonte dove, come certificato dalla Corte dei Conti, l'indebitamento della Regione rispetto al bilancio è del 35%, o nel Lazio dove la percentuale raggiunge addirittura il 59%. Per la Sicilia, piuttosto, si attivi per far restituire tutte le risorse che in questi anni, unilateralmente e in violazione della Costituzione, lo Stato ha sottratto alla nostra Isola».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA