home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Barcellona, una giornata con i 128 reclusi

Barcellona, una giornata con i 128 reclusi dell’ospedale psichiatrico giudiziario

La lenta marcia delle dimissioni Ma c’è chi non vuole uscire: «Qui protetti, fuori si soffre»

Il reportage dalla struttura messinese, la più grande d’Italia
Barcellona, una giornata con i 128 reclusi dell’ospedale psichiatrico giudiziario
Barcellona Pozzo di Gotto. «Curnuti, tutti curnuti sono qui dentro! Lei che è giornalista, cu ‘sta penna? Curnutu macari lei è». Chissà dove andrà a finire Pietro – enormi occhi neri spiritati, sigaretta fra le dita fino all’ultimo millimetro di filtro infuocato – quando uscirà «da qui». Passeggia e bestemmia, trovando pace soltanto alla fine del corridoio lungo e stretto. Accarezza le sbarre e si lascia cadere. Un barlume di luce arriva da fuori. Oggi si chiama “secondo reparto”, ma nel 2009 – nel blitz della commissione di Ignazio Marino – era il girone dell’inferno. Il braccio di contenzione, con tre letti, di cui uno di ferro arrugginito con un buco al centro per far passare feci e urine, dove i senatori incravattati trovarono un uomo, le mani e i piedi legati con le garze, da cinque giorni. L’ARTICOLO COMPLETO NELL’EDIZIONE IN EDICOLA

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa