home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Ex fiancheggiatore nisseno delle Brigate Rosse arrestato a Torino per rapina e tentato omicidio

Salvatore Scivoli, 66 anni, vive da anni a Nichelino. Con lui in manette anche il complice, l'agrigentino Giuseppe Argento di 63 anni

Ex fiancheggiatore nisseno delle Brigate Rosse arrestato a Torino per rapina e tentato omicidio

Un ex fiancheggiatore della Brigate Rosse, Salvatore Scivoli, di 66 anni (nella foto), è stato arrestato a Torino per rapina. L’uomo, originario di Caltanissetta ma da anni trapiantato a Nichelino, nel Torinese, ha commesso una rapina insieme ad un complice ai danni di un commerciante, contro il quale sono stati sparati dei colpi d’arma da fuoco.

Anche il complice, Giuseppe Argento, di Agrigento è stato arrestato ed è detenuto presso la casa circondariale Lorusso e Cotugno. I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dall’Autorità Giudiziaria di Torino su richiesta del Pubblico ministero Castellani, al termine di un’indagine che ha permesso di contestare ai due un tentato omicidio e altri reati: rapina aggravata, ricettazione di un’autovettura e di una pistola con matricola abrasa e il furto di un’altra auto.

La rapina è avvenuta lo scorso inverno quando il titolare di due sale slot cittadine, preleva la somma di 25000 euro in contanti e si reca presso un’agenzia bancaria cittadina per depositare l’incasso. Sceso dall’auto viene avvicinato dai due uomini armati di pistola e con il viso parzialmente coperto che gli intimano di consegnare il denaro. I rapinatori preso il denaro dall’autovettura si allontanano. La vittima, però, reagisce e si pone al loro inseguimento, prima a piedi e successivamente in auto.

Uno dei rapinatori, Argento, scende dall’auto ed esplode alcuni colpi di pistola all’indirizzo dell’autovettura della vittima, la quale, spaventata, desiste dall’inseguimento. Il proiettile, infatti, si conficca sotto il montante del parabrezza dell’auto della vittima ad altezza del viso, fortunatamente senza causare danni alla persona.

Le indagini partono dall’auto dei rapinatori. Gli investigatori poi giungono ad un appartamento e durante la perquisizione viene rintracciato Argento che era latitante perché non era rientrato presso la casa lavoro dove era stato ristretto. L’uomo è trovato in possesso di una pistola, una Beretta cal 7.65 con matricola abrasa con i relativi colpi. Grazie agli accertamenti balistici, gli investigatori hanno appurato che si tratta proprio dell’arma utilizzata per la rapina.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa