home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

«Seppellivo rifiuti dell'Eni sotto terra a Gela»: in tv la rivelazione choc di ex operaio

Emanuele Pistritto, davanti alle telecamere di "Nemo" su Rai2, ha raccontato di quando scarti della lavorazione della chimica e della raffineria venivano sotterrati in grandi vasche a est del petrolchimico. La Procura conferma avvio delle indagini. Sit-in dei cittadini in segno di solidarietà ai magistrati che indagano

«Seppellivo rifiuti dell'Eni sotto terra a Gela»: in tv la rivelazione choc di ex operaio

GELA (CALTANISSETTA) - Il procuratore di Gela, Fernando Asaro, conferma che è stata avviata un’indagine dopo la testimonianza di Emanuele Pistritto, 70 anni, che ieri davanti alle telecamere del programma «Nemo», su Rai2, ha rivelato clamorosi episodi di inquinamento del suolo e del sottosuolo con rifiuti industriali provenienti dal petrolchimico dell’Eni. Pistritto, proprietario e conduttore di pale meccaniche, ora in pensione, per molti anni è stato titolare di appalti nel settore del movimento terra e di materie prime nello stabilimento. Gli scarti della lavorazione della chimica e della raffineria sarebbero stati sotterrati in grandi vasche di oltre 500 metri quadrati e della profondità di 15 metri, a est del petrolchimico. Dentro vi sarebbe stato scaricato di tutto: «Dall’amianto agli anelli di ceramica dei reattori - si autoaccusa il testimone - che mi facevano frantumare con i cingoli delle ruspe». 

E stamane a Gela, davanti al tribunale, un gruppo di cittadini hanno inscenato un sit-in per esprimere vicinanza ai magistrati che indagano sui rifiuti tossici interrati dall’Eni, secondo la denuncia-choc di Pistritto. I manifestanti chiedono «verità, giustizia, maggiori controlli e bonifiche ambientali». Secondo i dimostranti, la testimonianza dell’operaio sarebbe la conferma di accuse e sospetti lanciati ripetutamente da dipendenti dell’Eni e da associazioni ambientaliste. Ora i volontari del flash-mob di stamani annunciano di voler dare vita a un comitato spontaneo aperto a tutti per tenere viva l'attenzione sul problema attraverso un dibattito aperto, iniziative di sensibilizzazione e proposte di interventi migliorativi per la bonifica del territorio.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa