Notizie locali
Pubblicità

Caltanissetta

Caltanissetta, acqua giallastra in alcune zone della città

Di Redazione

CALTANISSETTA - L’acqua: un problema “eterno” per Caltanissetta. Eravamo fermi all’ordinanza del sindaco Ruvolo del 31 luglio scorso, con la quale si revocava un precedente analogo provvedimento (emanato il 26 luglio) con cui era stato disposto il divieto temporaneo di consumo dell’acqua per uso alimentari (per via di “criticità” rilevate nella rete di Siciliacque, fornitore di Caltaqua).

Pubblicità

Dal 31 luglio, quindi, l’acqua erogata ai nisseni è tornata ad essere “potabile”.

Ma molti cittadini stanno notando da qualche giorno che il liquido che sgorga dei rubinetti domestici non è limpido e trasparente coe dovrebbe essere.

Da più zone della città, infatti, arriva segnalazione che l’acqua, nel momento in cui viene raccolta nei lavabi di colore bianco di casa, tradisce una colorazione che non lascia del tutto tranquilli, perché risulta essere piuttosto giallognola. Siccome non ci sono state comunicazioni di segno opposto da parte di Caltaqua, è legittimo chiedersi: è potabile quest’acqua?

Il “colore” non certamente rassicurante è causato dal “passaggio” dell’acqua dalle cisterne di accumulo dei vari condomini e dai serbatoi di abitazioni private, o piuttosto arriva già così dalla condotta principale? Caltaqua ha ricevuto già segnalazioni con cui viene indicata questa “criticità”? Una verifica da parte del gestore e una conseguente nota di rassicurazione aiuterebbe i cittadini a non avere timore che l’acqua che stanno ricevendo in questi giorni è idonea per gli “usi alimentari”.

Anche se siamo “sotto” Ferragosto, è giusto che il gestore rassicuri i propri utenti anche con una breve nota che comunichi l’avvenuto (doveroso) controllo.

Intanto il problema dell’acqua giallastra che viene distribuita in città, è finito sui social e nella giornata di ieri, l’avvocato penalista Vania Giamporcaro, ha annunciato che presenterà un esposto alla Procura della Repubblica, per il disservizio che si sta registrando nelle abitazioni di molti utenti nisseni.

L’avvocato Vania Giamporcaro fa riferimento anche alle spese che i cittadini sono ostretti ad affrontare, per provvedere alla pulizia delle vasche di accumulo dei condomini dove viene raccolta l’acqua.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: