Notizie locali
Pubblicità

Caltanissetta

Il caso del delegato Unesco, a Gela comitato Mura Timoleontee si scusa

Di Redazione

GELA (CALTANISSETTA) - A Gela, il Rotary club, l’Archeoclub, il Polo museale e l’archeologa Rosalba Panvini, sono intervenuti nella vicenda venuta fuori due giorni fa: la visita del falso ambasciatore maltese dell’Unesco, Ray Bondin, promettendo di invitare in città il vero ambasciatore maltese dell’Unesco, Joe Vella Gauci.

Pubblicità


In un documento congiunto si sottolinea che «l'obiettivo era e rimane l’inserimento delle Mura Timoleontee, nella lista dei beni patrimonio mondiale dell’umanità». Per farlo, i firmatari della nota affermano di essersi rivolti a proprie spese a Bondin "il cui curriculum è riportato sul sito ufficiale dell’Unesco" ma fermo al 2010 quando era in carica come ambasciatore. Per il "comitato Mura Timoleontee patrimonio dell’Umanità», tuttavia, "non sarà il titolo di ambasciatore, o ambasciatore Emerito a fare la differenza sulle sue indiscusse qualità umane e professionali, e sul valore che lo stesso porterà in forma totalmente gratuita, a sostegno della candidatura di Gela».


I firmatari, tuttavia, si scusano con «chi si è sentito offeso dall’iniziativa» e annunciano l’impegno ad invitare Joe Vella Gauci, «una volta che la candidatura di Gela verrà formalizzata attraverso il Ministero dei beni e delle attività culturali». «Certi di aver operato in assoluta buona fede nel supremo interesse della nostra città - conclude la nota - con la stessa tenacia continueremo a operare per l’ottenimento dell’ambito riconoscimento». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA