Notizie locali
Pubblicità
Gela, picchiano medico e infermieri dopo la morte di un parente

Caltanissetta

Vigilanza armata nei cinque ospedali della provincia di Caltanissetta

Di Redazione

Caltanissetta - Dopo le botte ad un medico e tre infermieri dell’ospedale “Vittorio Emanuele” di Gela si è tenuto in Prefettura un incontro sulla sicurezza delle strutture ospedaliere della provincia. Alla riunione tecnica, presieduta dal Prefetto Cosima Di Stani, hanno partecipati i vertici delle forze dell’ordine e dell’Asp di Caltanissetta, oltre che a Giovanni D’Ippolito, presidente dell’Ordine dei medici. Sia la direzione sanitaria che D’Ippolito hanno condannato il gesto di violenza nei confronti degli operatori sanitari.

Pubblicità

Già previste le contromisure: guardie giurate negli ospedali di Caltanissetta e Gela h24, mentre negli ospedali più piccoli come Mazzarino, Niscemi e Mussomeli la presenza delle guardie armate è prevista solo la notte. Durante la riunione è stata posta all’attenzione della Direzione Generale della Asp la  possibilità  di  valutare l’incremento  della  presenza,  all’interno degli ospedale di personale di vigilanza, soprattutto durante gli orari di visita dei degenti. Per la sicurezza delle guardie mediche è previsto un collegamento serale e notturno con le sedi dei Carabinieri e della Polizia, oltre al rafforzamento della videosorveglianza interna ed esterna alle strutture ospitanti le guardie mediche stesse.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: