Notizie locali
Pubblicità
Bimbo di 18 mesi muore soffocato nell'Ennese dopo aver ingoiato pallina

Caltanissetta

Bimbo di 18 mesi muore soffocato nell'Ennese dopo aver ingoiato pallina

Di Redazione

Stava giocando a casa, quando all’improvviso ha preso una pallina con una piccola ventosa attaccata. L’ha messa in bocca e l’ha poi ingoiata, trasformando un gioco e la curiosità di un piccolo in una tragedia. Ha perso la vita così, ieri sera, un bambino di 18 mesi a Pietraperzia, nell’Ennese. Il piccolo, dopo un passaggio alla guardia medica del paese, è stato portato in ambulanza del 118 nell’ospedale Sant'Elia di Caltanissetta, ma è quando è arrivato era già morto. Inutili si sono rivelati i tentativi dei medici di rianimarlo anche prima.

Pubblicità

La pallina si era attaccata alla trachea soffocandolo. La tragedia è cominciata ieri sera alle 21.30 quanto il bambino stava giocando a casa. E’ stato un attimo: ha preso la pallina, l’ha messa in bocca e poi l’ha ingoiata. Ha difficoltà a respirare. E’ la madre, ventinovenne, che lo ha preso in braccio immediatamente e lo ha portato alla guardia medica di Pietraperzia, alla ricerca disperata di aiuto per suo figlio. Due medici gli hanno prestato i primi soccorsi, ma rendendosi conto della gravità del caso, uno di loro lo ha immediatamente accompagnato in ambulanza, insieme agli operatori del 118, al pronto soccorso dell’ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Ma nel nosocomio, dove è entrato alle 22, il bambino è arrivato già morto. Per diverso tempo i medici, insieme a un rianimatore, hanno tentato di farlo riprendere, ma purtroppo non c'è stato alcunché da fare se non accertarne il decesso. Disperata la famiglia: la madre, casalinga, e il padre, un 30enne di Enna che lavora in una cooperativa per assistenza ai migranti. La coppia ha un altra figlia, una bambina di sei anni.
La Procura di Enna ha aperto un fascicolo sulla morte del bambino, disposto l’autopsia e ha delegato le indagini alla squadra mobile di Caltanissetta, diretta da Marzia Giustolisi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: