Notizie locali
Pubblicità
Sistema Montante, Cicero: «Antonello era a conoscenza di indagini e conversazioni»

Caltanissetta

"Sistema Montante", Cicero: «Bloccato video scabroso su Crocetta»

Di Redazione

CALTANISSETTA - L’esistenza di un video scabroso girato in Tunisia che coinvolgerebbe l’ex presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta, che non ha mai trovato alcun riscontro, è stata ribadita stamane da Alfonso Cicero sentito come persona indagata un procedimento connesso nel corso dell’udienza del processo sul cosiddetto «Sistema Montante» nei confronti di 17 imputati, ripreso questa mattina all’aula Bunker del carcere Malaspina di Caltanissetta. «L'imprenditore Giuseppe Catanzaro, qualche mese prima di questa indagine per concorso esterno a carico di Antonello Montante - ha dichiarato l’ex presidente dell’Irsap - , mi confidò che lo stesso Montante era riuscito a bloccare la diffusione di un video girato a Tunisi contenente immagini scabrose che riguardavano Rosario Crocetta. Lo stesso episodio me lo raccontò anche Linda Vancheri (ex assessore regionale ndr). Lei però lo fece dopo la notizia dell’indagine a carico di Montante». 

Pubblicità

Cicero racconta ancora di Linda Vancheri: «Uscì un articolo riguardante indagini a carico di Antonello Montante per concorso esterno in associazione mafiosa. Da quel momento Linda Vancheri, che fino ad allora mi aveva schivato, cominciò a voler incontrarmi, sfogarsi, farmi delle confidenze». L’ha detto Alfonso Cicero, deponendo nel corso dell’udienza del processo sul cosiddetto «Sistema Montante» che si celebra a Caltanissetta con rito ordinario nei confronti di 17 imputati.


«Era spaventatissima proprio per questa indagine - continua l'ex presidente dell’Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive (Irsap), rispondendo al suo avvocato Annalisa Petitto - e aveva paura che il fratello di lui, Gioacchino, si potesse rivoltare contro Montante. Perché mi diceva che era detentore di segreti. Gioacchino era molto vicino al pentito Dario Di Francesco. Altra paura che aveva Vancheri era che Giovanni Crescente, ex presidente di Confindustria, potesse rivoltarsi contro di lui soprattutto per delle vicende di Confindustria del 2005. Mi confidò che non dormiva la notte, era spaventatissima, aveva paura di deludere la famiglia per cose che potevano venir fuori da questa inchiesta. Mi raccontava anche del fatto che Montante negli ultimi anni non aveva un modo di comportarsi sobrio e manifestava manie di onnipotenza». Cicero aggiunge poi un particolare: «Fino a quel momento - racconta - avevo sempre ricevuto telefonate ordinarie da Montante, ma dall’apertura dell’inchiesta cominciò a contattarmi con la procedura in anonimo».

«Io e Marco Venturi avevamo paura che Antonello Montante potesse intercettarci. Alcuni fatti ci fecero capire che era disposto a tutto, anche a farci pedinare», ha continuato a dire Cicero. «Tra aprile e luglio 2015, ad esempio - continua - Montante mi aveva fatto vedere un tabulato di mie chiamate e mi fece capire che aveva registrato tutto. Tra le varie minacce, mi disse che aveva saputo che Venturi era andato a cena con un suo amico e che era in possesso di un video e di un dossier con immagini imbarazzanti che riguardavano il dottor Nicolò Marino (magistrato, ex assessore all’Energia nel governo Crocetta, ndr). Questi fatti ci portarono ad avere paura. E così quando io e Venturi parlavamo tenevamo i telefoni lontani, accorgimenti che mettemmo in atto anche quando ci incontravamo con il giornalista Attilio Bolzoni. Noi temevamo addirittura per la nostra vita». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA