Notizie locali
Pubblicità

Caltanissetta

Gela, sequestrata una cava abusiva

Di Redazione

Una cava abusiva di pietra arenaria, gestita da un imprenditore edile di 57 anni, per l’occasione denunciato a piede libero, è stata sottoposta a sequestro preventivo dai carabinieri di Gela nelle contrade "Piano Corallo» e «Feudo Nobile», su decreto firmato dal gip del tribunale.

Pubblicità

L’accusa è di deturpamento di area sottoposta a vincolo paesaggistico. La zona di sfruttamento sorge a poca distanza di un impianto di lavorazione che invece opera in contrada «Catarrosone» con tutte le regolari autorizzazioni previste dalla legge.
L’indagine dei carabinieri è scattata nello scorso mese di settembre quando sono stati notati i camion di «movimento terra" della ditta impegnati a fare la spola tra la cava abusiva e il cantiere di trasformazione, soprattutto nelle prime ore del mattino e durante le domeniche. L’impresa fu multata con sanzioni amministrative per circa 20 mila euro e con la sospensione delle licenze estrattive.

La procura, temendo la continuazione del reato e il possibile occultamento delle prove, ha chiesto e ottenuto dal Gip il sequestro della cava, dell’impianto di lavorazione, di un autocarro, di una pala meccanica e di due escavatori cingolati.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: