home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

La TTTLines lascia Catania, 10 marittimi senza lavoro

Il collegamento sulla rotta Napoli-Catania verrà soppresso dal gruppo Franza che lascia il campo alla compagnia Grimaldi

La TTTLines lascia Catania, 10 marittimi senza lavoro

CATANIA - I dieci lavoratori della Navigerium Service Srl, che finora hanno assicurato i servizi di biglietteria per la New TTTLines sulla rotta Catania Napoli, da oggi non avranno più un impiego. È la conseguenza dell’addio dal porto di Catania della società armatrice New TTTLines che fa capo al gruppo Franza di Messina, la quale ha deciso di ritirarsi dal mercato, nel senso che non intende continuare a operare dal porto di Catania.

Dice Enzo Franza a nome del gruppo messinese: «C’è una concorrenza eccessiva tra colossi per cui noi ce ne andiamo, anche se non tutto è stato ancora definito. Per il futuro dei dipendenti (in servizio da quindici anni, ndr), teniamo presente che nel trasporto marittimo tutto si tiene in equilibrio per cui ogni vuoto viene subito riempito».

Si tratta di una decina di persone per il cui posto di lavoro i sindacati hanno chiesto l’apertura di un tavolo di trattative in Prefettura. Oggi, contemporaneamente, si terrà un confronto nelle prefetture di Catania e Napoli (per il personale napoletano in servizio alla «New TTTLines).

La situazione sinteticamente è questa: al porto di Catania ci sono attualmente due traghetti che fanno la spola - da nord a sud e viceversa - tra Catania e Napoli. Una di queste navi è la nave dei Franza, che si ritirerà per andare su altre rotte (forse in Grecia).

L’altra imbarcazione è gestita dalla Grimaldi Lines, che continuerà a coprire la tratta Catania-Napoli, . La speranza è che la compagnia di navigazione, pur non avendo obblighi, assuma i dieci lavoratori catanesi ma - fanno sapere Alessandro Grasso ed Edoardo Pagliaro, rispettivamente segretario generale Filt Cgil e responsabile Porti della Filt - la Grimaldi non ha annunciato di voler assorbire i lavoratori rimasti esclusi. Come se non bastasse, non è stato inoltre inviato alcun preavviso da parte della New TTTLines. La situazione è paradossale poichè avviene in un contesto in cui si parla di rilancio di infrastrutture portuali e invece bisogna fare i conti con licenziamenti facili e improvvisi». Il sindacato ha chiesto aiuto al sindaco Bianco e l’intervento del presidente dell’Autorità portuale di sistema del Mare Jonio, Andrea Annunziata.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa