Notizie locali
Pubblicità

Catania

Blatte e cozze avariate a Ipercoop, azienda: "Chiariremo le nostre ragioni"

Di Redazione

Gravina di Catania - Molta curiosità, ma anche e soprattutto preoccupazione tra i consumatori, ha destato l'ispezione di qualche giorno fa (di cui abbiamo già riferito in un precedente articolo), degli agenti del Commissariato Nesima e del personale dell’Asp di Gravina nell'ipermercato Ipercoop di Gravina, con l'esito di una denuncia per il rappresentante legale e con il sequestro di due magazzini della struttura, nei quali sono state trovate 22 confezioni, tra cozze e mitili, che non sono state giudicate idonee al consumo. Riscontrate anche altre irregolarità. Di seguito la nota dell'azienda che precisa:

Pubblicità

"Al termine di una lunga e minuziosa ispezione che martedì 26 giugno ha interessato vari reparti, l’ipercoop Katané è rimasto sempre regolarmente aperto svolgendo le proprie attività. In particolare, per quanto riguarda le confezioni di mitili giudicate non idonee avremo modo di spiegare le nostre ragioni perché siamo convinti di aver rispettato tutte le norme. Si sta invece già procedendo al ripristino, per esempio, dei rivestimenti lavabili di alcune pareti.

Il ritrovamento di due insetti “non vitali”, nella vastissima superficie ispezionata, conferma semplicemente che l’attività di disinfestazione viene effettuata regolarmente e con efficacia. La presenza di un volatile all’interno del centro commerciale (non solo dell’ipercoop), infine, è una problematica comune a molte strutture simili, a cui Coop Alleanza 3.0 cerca di porre rimedio – avvalendosi di una ditta specializzata – nel rispetto delle normative vigenti in materia di fauna protetta.

Coop Alleanza 3.0 è quotidianamente impegnata a garantire sicurezza e qualità ai propri clienti, attraverso verifiche periodiche e standard di qualità molto alti. Stiamo provvedendo a tutte le verifiche interne per garantire, come sempre, sicurezza e qualità ai soci, clienti e lavoratori. Rassicuriamo intanto i consumatori catanesi e siciliani che non esiste, né è mai esistito, alcun rischio per la loro salute".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: