home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

La dottoressa violentata scrive al ministro: «Cara Giulia non mi deluda anche lei»

A un anno esatto da quella terribile notte, Serafina strano manda un messaggio alla conterranea Giulia Grillo: «Fino ad oggi non è cambiato nulla»

La dottoressa violentata scrive al ministro: «Cara Giulia non mi deluda anche lei>

Serafina Strano e il ministro Giulia Grillo

CATANIA - A un anno esatto da quella terribile notte, Serafina Strano, la dottoressa aggredita e violentata mentre svolgeva il turno di guardia medica a Trecastagni, in provincia di Catania, scrive al Ministro Giulia Grillo.

«Ministro, non mi deluda pure lei. Nell’organizzazione del servizio di guardia medica fino ad oggi non è cambiato nulla, non sono stata risarcita per il danno subito, il mio aggressore è stato processato ed è in carcere, ma i corresponsabili delle violenze che ho subito sono più o meno al loro posto, sono in attesa che siano chiamati in causa dalla magistratura».

Serafina Strano ricorda la mattina dopo la violenza: «Vidi la luce del giorno attraverso le vetrate di un pronto soccorso, era una luce fioca, ma mi sembrò meravigliosa, perché giunse dopo il buio della paura». E ancora, «sono passati 365 giorni, ma le mie colleghe e i miei colleghi, in tutta Italia rivedono la luce del nuovo giorno dopo aver trascorso in piena solitudine una lunga notte di lavoro, negli ambulatori di guardia medica: tuguri, vergogna del Sistema sanitario nazionale».

«Come donna e come medico sono sempre disponibile a collaborare al cambiamento - scrive -, ma credo che ora dalla solidarietà formale e dalle innumerevoli manifestazioni di stima nei miei confronti, si debba passare alle azioni, concretamente ai fatti, alla soluzione dei problemi». E conclude: «Non accetto di passare solo per figura simbolica della protesta, eroina di cartone, solo perché ho forza e coraggio nel denunciare. Non sono animata da spirito di vendetta per quello che ho subito, ma ho tanta sete di giustizia». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Urologo

    20 Settembre 2018 - 09:09

    L'importante è che i grandi professoroni universitari vivano comodamente a far niente nelle loro stanze dorate con quattro belle segretarie. A nessuno importa di quelli che fanno i turni di notte al pronto soccorso o in guardia medica.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa