Notizie locali
Pubblicità

Catania

Catania, accoltellò a morte la figlia per punire la moglie: ergastolo

Di Alfredo Zermo

CATANIA - La Corte d’assise d’appello di Catania, su richiesta del Pg Antonio Nicastro, ha confermato la condanna di primo grado all’ergastolo per Roberto Russo, il 51enne che quattro anni fa uccise, accoltellandola mentre dormiva nel suo letto, la figlia di 12 anni, e ferito gravemente un’altra figlia allora 14enne, per punire la moglie che non voleva riallacciare la loro relazione. L’aggressione avvenne nella casa dove viveva la sua ex famiglia, a San Giovanni la Punta, il 21 agosto del 2014. L’uomo fu bloccato da due altri suoi figli, all’epoca dei fatti 17 e 22 anni, e poi tentò il suicidio ferendosi con una coltellata all’addome.

Pubblicità

Il suo legale, l'avvocato Mario Brancato, aveva sollecitato l’infermità mentale di Russo e chiesto una nuova perizia psichiatrica. Nella sentenza i giudici hanno confermato anche la provvisionale di 410mila euro per la moglie e i due figli all’epoca dei fatti minorenni, e di 80mila euro per il quarto figlio maggiorenne, tutti rappresentati dall’avvocato Giuseppe Lo Faro. La sentenza di primo grado, di condanna all’ergastolo, è stata emessa il 30 ottobre del 2017 dalla Corte d’assise di Catania.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA