Notizie locali
Pubblicità

Catania

Chiesto l'ergastolo per l'ivoriano del Cara di Mineo che trucidò i coniugi Solano

Di Redazione

CATANIA - La richiesta di condanna all’ergastolo e di 18 mesi di isolamento è stata avanzata dal procuratore di Caltagiorne, Giuseppe Verzera, a conclusione della sua requisitoria al processo davanti la Corte d’assise di Catania a Mamadou Kamara il 18enne ivoriano accusato di avere ucciso il 30 agosto 2015 nella loro villa di Palagonia per rapina Vincenzo Solano, 68 anni e sua moglie Mercedes Ibanez, 70, che sarebbe stata anche violentata. Alla richieste dell’Accusa si sono associati i legali delle parti civili. Il processo è stato aggiornato al 15 gennaio prossimo per le arringhe della difesa.

Pubblicità

Le indagini sul duplice omicidio sono state eseguite da personale del commissariato della polizia di Caltagirone e della squadra mobile della Questura di Catania.

Per approfondire:

Gli oggetti che incastrano Mamadou

L'ivoriano, che si proclama innocente, è accusato di avere ucciso i due coniugi e di essere rientrato in bicicletta nel Cara di Mineo, in cui era ospite, dove è stato bloccato da militari dell’esercito e da un ispettore capo in servizio nella struttura.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: