Notizie locali
Pubblicità

Catania

A Ragalna una scossa di magnitudo 3.4 e dall'Etna nuova colonna di gas e cenere

Di Redazione

CATANIA - Continua a tremare l’area attorno all'Etna. Una scossa di terremoto di magnitudo 3,4 è stata registrata ieri alle 19,30 dai sismografi dell'Ingv ad una profondità di 11 chilometri nel territorio di Ragalna. La scossa è stata avvertita pure a Zafferana Etnea e nella zona costiera di Giarre e Riposto. Anche se in questa circostanza non ci sono stati danni, la scossa ha fatto comunque paura in considerazione di quanto accaduto nella notte di Santo Stefano, quando a causa di un terremoto di magnitudo 4.8 in molte abitazioni di più comuni etnei si sono verificati crolli o crepe.

Pubblicità

Nella notte appena trascorsa, poi, ancora due scosse ed entrambe di magnitudo 2.4: secondo i dati dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, il primo terremoto è delle 00.28, a 8 chilometri a ovest di Zafferana Etnea, con ipocentro a un chilometro di profondità; il secondo delle 05.50, a 8 chilometri a nord di Ragalna, con ipocentro a zero chilometri di profondità. Non si registrano, al momento, danni a cose o persone.

Continua intanto l’attività stromboliana da crateri e bocche sommitali dell'Etna, cominciata la vigilia di Natale, con la fuoriuscita di un’alta colonna di gas e cenere lavica. Continuano a diminuire i valori del tremore dei condotti interni che segnalano l’attività di risalita del magma. L’eruzione sull'Etna non impatta con la funzionalità dell’aeroporto internazionale di Catania, che resta pienamente operativa.  

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: