Notizie locali
Pubblicità

Catania

Catania, Il Boschetto della Plaia diventerà finalmente un parco

Di Cesare La Marca

Qualcuno già pensava ad una colletta per raccogliere 26mila euro e “bloccare” l’offerta per conservare un luogo che per i catanesi è legato a scampagnate, ricordi e bei momenti, ma non c’è più pericolo, il boschetto resta dov’è, anche se bruciacchiato dalle fiamme dello scorso luglio (ma nessuna area di tale pregio dovrebbe “valere meno” né essere alienata dopo un incendio); e resta pubblica quella zona ormai ex verde per cui si è sollevata una legittima e trasversale mobilitazione generale dell’intera città, dopo il bando di vendita dell’Agenzia del Demanio, la quale aveva rilevato che lo scorso maggio il Comune non rispose a un invito a esercitare il suo diritto di opzione.

Pubblicità

La vicenda comunque è finita bene. «Hanno vinto Catania e i catanesi: il boschetto della Plaia non sarà messo in vendita». Così il sindaco Salvo Pogliese, su Facebook, dopo la decisione dell’Agenzia del Demanio di stralciare l’avviso di vendita di una parte del boschetto della Plaia.

«Ha accolto la nostra formale richiesta - sottolinea Pogliese - al fine di garantire la conservazione del carattere pubblico del terreno. Nella Pec che ho inviato d’urgenza ho spiegato che quell’area è parte integrante di un più ampio comprensorio di proprietà del Comune, destinato a parco pubblico, che noi intendiamo valorizzare. Il concreto interesse alla salvaguardia del boschetto che abbiamo apertamente manifestato, che è poi quello di tutti catanesi - osserva il sindaco - ha fatto sì che il Demanio accogliesse la nostra richiesta dello stralcio dall’avviso di vendita del lotto, al fine di garantire la conservazione del carattere pubblico del terreno e della sua fruibilità».

Nel tardo pomeriggio di ieri l’Agenzia del Demanio aveva comunicato che «nell’ambito delle proprie attività di gestione degli immobili dello Stato» aveva pubblicato il 29 luglio scorso un avviso di vendita di beni ricompresi nel territorio siciliano, tra i quali figura anche il lotto n. 24, relativo all’immobile sito in Catania, in viale Kennedy, 10, noto come il “Boschetto della Plaia".

Prima di avviare l’iter di pubblicazione del bando il Demanio aveva quindi inviato lo scorso maggio al Comune di Catania una nota di richiesta di diritto di opzione per l’acquisizione del bene alla quale però l’Amministrazione non aveva dato riscontro. Il Comune di Catania, visto l’approssimarsi della scadenza del bando, pur non avendo esercitato il diritto di prelazione a suo tempo, ha richiesto all’Agenzia lo stralcio dall’avviso di vendita del lotto, al fine di garantire la conservazione del carattere pubblico del terreno. L’Agenzia, in considerazione dell’attuale manifestazione d’interesse, ha ritenuto di accogliere la richiesta del Comune di Catania». «La collaborazione all’interno del M5S ha portato ad un risultato fondamentale per il nostro comune», così in una nota congiunta i parlamentari del M5S catanesi hanno commentato la decisione dall'Agenzia del Demanio, rilevando come l’intervento del consigliere Bonaccorsi abbia acceso i riflettori sulla vicenda.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA