Notizie locali
Pubblicità
Sant'Agata, ordinanza su sgombero case per fuochi d'artificio: è polemica

Catania

Sant'Agata, ordinanza su sgombero case per fuochi d'artificio: è polemica

Di Redazione

Catania - E' la sezione catanese di Asia Usb, l'Associazione Inquilini e Abitanti per la difesa del diritto alla casa e alla città, a lanciare l'allarme su quanto dispone una recente ordinanza del sindaco di Catania Salvo Pogliese sulle misure di sicurezza per lo sparo dei fuochi d'artificio nei luoghi interessati dalla Festa di Sant'Agata.

Pubblicità

«Apprendiamo che c'è un'ordinanza del sindaco Pogliese che, in occasione dei fuochi d'artificio che verranno accesi per la festa di Sant'Agata, impone il divieto temporaneo di frequentazione e abitazione degli immobili situati a meno di 100 metri da Villa Pacini, a meno di 40 metri dalla Villetta adiacente la Cattedrale, a meno di 40 metri da Piazza Carla Alberto, a meno di 100 metri da Piazza Palestro e a meno di 40 metri da Piazza Cavour. L'ordinanza è stata firmata in seguito ad  riunione in Prefettura, che si è svolta il 17 gennaio, e ad una relazione della "Vacalluzzo Eventi"».

L'Associazione lancia un allarme sfratto che riguarderebbe i cittadini che "indipendentemente anche dallo stato di salute, si troveranno ad essere degli sfollati, buttati fuori di casa, con la Polizia municipale pronta ad applicare con la forza lo sgombero e senza un luogo indicato da raggiungere".

Anche sul web l'ordinanza dell'amministrazione comunale etnea sta già facendo discutere tra chi la reputa una misura di sicurezza opportuna e chi invece la ritiene eccessiva. Le sanzioni per i trasgressori andranno dai 25 ai 500 euro.



Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: