Notizie locali
I vescovi delle Diocesi di Catania: «Lasciamo chiese aperte ma nel rispetto del Dpcm»

Catania

I vescovi delle Diocesi di Catania: «Lasciamo chiese aperte ma nel rispetto del Dpcm»

Di Redazione

CATANIA - «Ci troviamo dinanzi a due possibilità estreme: o chiudere materialmente le porte delle chiese, ma non vorremmo arrivare a questo, o lasciarle aperte, seguendo comunque le restrizioni che il governo impone. In un caso come nell’altro, ci viene richiesta una rinuncia dolorosa». Lo scrivono l’arcivescovo di Catania, Salvatore Gristina, e i vescovi di Acireale, Antonio Raspanti, e di Caltagirone, Calogero Peri, in una lettera ai fedeli sull'emergenza Covid-19 dopo le ultime disposizioni governative dell’11 marzo e il documento della presidenza della Cei in cui a ciascuno «viene chiesto di avere la massima attenzione, perché una eventuale sua imprudenza nell’osservare le misure sanitarie potrebbe danneggiare altre persone».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA