Notizie locali
Pubblicità
Protesta a Sigonella contro guerra in Siria: in centinaia verso la base

Catania

Piscine e palestre aperte a Sigonella, base Nas: «Siamo nel pieno rispetto delle regole»

Di Redazione

Catania - Sull'apertura delle palestre e piscine all'interno della base Nas di Sigonella, segnalata dal sindacato Uil-Uiltucs, la stessa base tiene a precisare quanto segue:

Pubblicità

«Siamo al corrente delle preoccupazioni espresse dal sindacato in questione in merito al rispetto delle normative italiane anti-Covid regionali e nazionali da parte della Stazione Aeronavale della Marina americana (NAS Sigonella). La Nas Sigonella opera nel massimo rispetto delle normative anti-Covid vigenti in Italia e in Sicilia al fine di tutelare la salute e la sicurezza di tutti i nostri stimati dipendenti e degli appartenenti alla nostra comunità, mantenendo al contempo la sua prontezza operativa. Per tutta la durata della pandemia di Covid-19, la Nas Sigonella ha messo in atto un ampio spettro di misure finalizzate a mitigare il rischio di COVID-19 nella nostra comunità. Queste misure comprendono: l'obbligo di indossare la mascherina, il distanziamento sociale, il controllo della temperatura corporea, la sanificazione frequente, le stazioni per il lavaggio delle mani e la massimizzazione del telelavoro in tutte le nostre strutture.

Pur nel totale rispetto di tutti i decreti Covid-19, esistono alcune eccezioni necessarie dovute alla natura della nostra attività operativa militare. Per esempio, dobbiamo continuare a far funzionare le nostre strutture dedicate al fitness, come palestre e piscine, poiché esse sono necessarie a mantenere la prontezza operativa del nostro personale militare. Abbiamo tenuto queste strutture aperte implementando e applicando rigorose misure di mitigazione del Covid-19, al fine di garantire un basso rischio di contagio per tutti gli avventori. La Nas Sigonella continua ad essere seriamente impegnata alla tutela della salute e del benessere di tutti i nostri apprezzati dipendenti italiani, del personale militare e delle loro famiglie, proprio come abbiamo già fatto nel corso di questa pandemia in nome della collaborazione di lunga data con i nostri vicini siciliani».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: