Notizie locali
Pubblicità
Crollo in via Castromarino, Cgil denuncia presenza di sciacalli nello stabile

Catania

Crollo in via Castromarino, Cgil denuncia presenza di sciacalli nello stabile

Di Redazione

Catania - Devono fare i conti anche con gli sciacalli le 14 famiglie  catanesi rimaste senza casa a seguito del crollo dell'immobile di via Castromarino, avvenuto nel gennaio del 2020, in pieno centro storico a Catania. La Cgil etnea segnala, sulla base di quanto raccontato dalle famiglie, la forzatura e l'apertura del portone di ingresso dello stabile. Sarebbe stato anche asportato il portone del sottoscala. Il primo allarme è stato lanciato dai vicini di casa,  e ora gli ex inquilini dello stabile temono che siano stati rubati anche oggetti o suppellettili presenti dentro gli appartamenti. Purtroppo non è concesso di entrare nei locali per motivi di sicurezza.

Pubblicità

In una lettera indirizzata al questore, al prefetto e al sindaco di Catania, il segretario generale della Camera del lavoro, Giacomo Rota, e il responsabile delle Politiche abitative della Cgil, Dario Gulisano chiedono "un' urgente intensificazione dei controlli delle Forze dell'Ordine e l'apertura di un tavolo istituzionale che coordini azioni e le comunicazioni tra l'impresa CMC, con cui è in atto un contenzioso, e le famiglie; queste ultime, a un anno dal crollo dello stabile, sono ancora senza casa e si trovano nell' impossibilità di accedere ai propri beni presenti negli appartamenti sotto sequestro. Le famiglie da stamattina presidiano gli appartamenti in un clima di sfiducia e paura che di certo non giova né ai singoli cittadini né al quartiere che ha il diritto di vivere il territorio in sicurezza"

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: