Notizie locali
Pubblicità
Catania, nuova viabilità all'aeroporto con Piano Sac-Comune-Amt

Catania

Catania, nuova viabilità all'aeroporto con Piano Sac-Comune-Amt

Di Redazione

CATANIA - Il presidente, il vicepresidente e l'amministratore delegato della Sac, la società di gestione dell’Aeroporto di Catania, Sandro Gambuzza, Giovanna Candura e Nico Torrisi, hanno incontrato stamane la stampa per illustrare i progetti relativi alla nuova viabilità dell’area aeroportuale, immaginata per snellire l’ingresso e l’uscita dal sedime, oltre ad alcune iniziative inserite nel Master plan e che saranno realizzate nel prossimo periodo. Insieme ai vertici Sac, anche il sindaco Salvo Pogliese, accompagnato dal direttore dell’Urbanistica Biagio Bisignani e dal presidente dell’Azienda Metropolitana Trasporti di Catania Giacomo Bellavia. «Abbiamo ragionato in termini di sistema - ha detto Torrisi - portando avanti una serie di iniziative relative alla viabilità che intendiamo realizzare in collaborazione con il Comune, l’Amt e la Città Metropolitana di Catania. A breve l’intero sistema viario, sia interno al sedime aeroportuale, che esterno, sarà oggetto di interventi che permetteranno di liberare la viabilità interna, agevolando l’accesso e l’uscita dallo scalo aeroportuale. Sarà inoltre realizzata la connessione diretta con il parcheggio scambiatore Fontanarossa gestito da Amt e migliorato il sistema globale attraverso la realizzazione di nuove rotatorie e strade per agevolare il passaggio dei mezzi pubblici e privati, che potranno così facilmente raggiungere l'asse dei servizi e l’autostrada».

Pubblicità

Nuove strade, ponti di collegamento e rotatorie, oltre all’arteria di collegamento con la fermata Fontanarossa, per cui Sac ha investito 1,5 milioni di fondi propri: una serie di interventi che saranno realizzati nell’arco di un quinquennio "Questa struttura è fondamentale - ha detto Pogliese - e sono felice che da qui a qualche anno si andranno a consumare passaggi di eccezionale valenza per tutto il territorio del Sud Est grazie all’intermodalità che si verrà a determinare. Mi complimento con chi ha retto e regge in maniera qualificante la Sac: dieci milioni di passeggeri hanno rappresentato un traguardo che, ovviamente con una gradualità che è dipesa dalla pandemia, è quello da cui ripartire». (

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: