Notizie locali
Pubblicità

Catania

Vaccini, vinta la paura: folla di persone negli hub per una dose di Astrazeneca

Di Maria Elena Quaiotti

Catania - “Vaccini e buon senso”: avrebbe, forse, dovuto essere questo lo slogan della Regione siciliana fin dall'inizio della campagna vaccinale, ma soprattutto in occasione dell' “Open weekend” iniziato ieri e che si concluderà domani, e prevede la possibilità agli over 60 senza patologie di potersi vaccinare senza prenotazione con AstraZeneca, dalle 8 alle 22 presso l'hub vaccini all'ex mercato ortofrutticolo di San Giuseppe La Rena. La risposta dei catanesi è stata positiva, se consideriamo il grande flusso di persone registrato soprattutto di mattina, e il dato Asp, parziale per la piattaforma “bloccata”, che alle 19 di ieri fissava in 1394 le dosi di vaccino inoculate, 388 quelle di AstraZeneca tra prenotati e non.

Pubblicità

L'appello al “buon senso” si riferisce al mantenimento della distanza sociale, che dovrebbe essere ormai un’abitudine responsabile di tutti, come l'uso della mascherina, ma così non è stato sia nelle settimane scorse e nemmeno ieri, come le fotografie pubblicate documentano. Afflusso che probabilmente si incrementerà tra oggi e domani. Da ieri, per l'“Open day”, il personale all'hub è stato potenziato: “si parla, per turno, di circa 20 medici – snocciola i dati il coordinatore dell'hub Mario Morello – 18 infermieri, 22 informatici, poi ci sono assistenti sociali, psicologi ed educatori, personale della protezione civile e volontari”. Anche il Comune ha fatto la sua parte, “abbiamo raddoppiato – precisa Marco Romano, responsabile protezione civile comunale – le nostre già esigue forze, con cinque persone per turno e due squadre di vigili urbani poste a presidio su via Forcile, e ricordiamo che noi coordiniamo anche il servizio dei tamponi rapidi antigenici”. Qualche ritardo c'è stato nel cambio turno degli operatori, poi ci sono “i “tempi morti” della preparazione del vaccino – sottolinea Morello - e del rifornimento del materiale”.

FOTOGALLERY

All'ingresso dell'ex mercato, oltre ad aver spostato il senso di ingresso delle macchine per i tamponi rapidi migliorando la viabilità su via Forcile, per i vaccini da ieri sono previsti ingressi pedonali e separati per le persone prenotate, che devono presentarsi nella fascia oraria indicata, e per i “non prenotati”.

Come vi siete riorganizzati?

“Non potevamo prevedere l'affluenza delle persone senza prenotazione - risponde Giuseppe Liberti, commissario Covid per l'area metropolitana – sinceramente temevamo anche un possibile “flop”, quindi abbiamo previsto l'accesso ai non prenotati a gruppi di 50 ogni mezz'ora, per dare modo, all'interno, di smaltire le procedure. Cento persone l'ora, questo è il target che ci siamo dati nelle 14 ore di apertura dell'hub, cioè in teoria 1400-1500 vaccini AstraZeneca al giorno. Il disagio, anche per i prenotati, è per le file che si creano fuori dall’hub: la gente è tanta, e ci fa piacere, perché significa che hanno vinto le paure dovute anche alla comunicazione un po' claudicante sui vaccini da parte degli enti regolatori, Ema ed Aifa.

Quanti vaccini a disposizione per l'“Open weekend”?

“Tutti quelli che vogliamo – risponde – non ci sono carenze di AstraZeneca, perché nei giorni scorsi molti prenotati hanno rinunciato, e altre fiale arriveranno”.

Qual è l'indice di gradimento” dei vaccini?

“Il più richiesto, se si può utilizzare questo termine, è il Pfizer, perché i cittadini si sono convinti che non abbia eventi avversi, che è un dato insito nella somministrazione di vaccini e di farmaci. In realtà c'è stata una minore pressione mediatica. La paura è giustificabile, ma non deve bloccare la “corsa al vaccino”, che è l'unico sistema che abbiamo per tornare alla nostra vita di relazioni. Ringrazio gli operatori sanitari e i medici di medicina generale coinvolti nella campagna vaccini, in questo momento la nostra “missione” è questa”. I vaccini in farmacia? “Dipenderà dalle dosi disponibili, ma saranno fondamentali quando si partirà con le vaccinazioni di massa”.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA