Notizie locali
Pubblicità

Catania

Catania, Carmelo De Caudo è il nuovo segretario generale della Cgil

Di Redazione

Catania - Con 98 voti favorevoli e 5 astenuti, Carmelo De Caudo è stato eletto stamattina nuovo segretario generale della Camera del Lavoro di Catania. De Caudo subentra all’uscente Giacomo Rota, da qualche giorno neo eletto segretario generale della Filctem Cgil Sicilia. Il nominativo di De Caudo è stato indicato dai centri regolatori del sindacato regionale e nazionale. Ai lavori che si sono tenuti in presenza nel salone Russo di via Crociferi e on line, con la partecipazione del segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino e, via web, del segretario nazionale Maurizio Landini. De Caudo ha iniziato la sua militanza nella Filt Cgil come delegato Alitalia nel 1995, ed è stato segretario generale della Filt Cgil di Catania nonchè componente della segreteria regionale Filt Cgil Sicilia. Dal 2017 ad oggi è stato segretario generale dello Spi Cgil Catania.

Pubblicità

Nella sua dichiarazione programmatica, De Caudo ha parlato di Catania come di "una città e di una provincia problematiche e complesse, con un vissuto storico difficile e con una drammatica crisi economica ancora in corso che affonda le radici anche nella mancata risoluzione della recessione internazionale che ha registrato il suo apice nel 2008. Catania da quella crisi non si è mai ripresa e come accade a certi malati in convalescenza, già indeboliti da malesseri pregressi, ha ricevuto una terribile batosta prima a seguito del dissesto comunale e poi a causa della pandemia. La Catania delle nuove povertà la vediamo ogni giorno: è quella dei rider mal pagati, delle colf e delle badanti immigrate senza garanzie e senza diritti, dei lavoratori interinali che nei fatti sorreggono interi comparti industriali senza avere prospettive per il futuro, dei lavoratori degli appalti con poche garanzie, dei senza tetto in aumento, delle periferie con pochi servizi, degli anziani che non trovano i soldi per curarsi". 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: