Notizie locali
Pubblicità
Puo' cambiare sesso anche senza intervento: a Ragusa lo sancisce il Tribunale

Catania

Pm condannati, padre adottivo figli della vittima: «Adesso più sereni»

Di redazione

MESSINA - «E' stata una battaglia dura ma alla fine abbiamo ottenuto giustizia, con questi soldi per il risarcimento sono sicuro riusciremo a fare crescere con più serenità i tre ragazzi». A dirlo Carmelo Calì, cugino di Marianna Manduca, uccisa 10 anni fa, a Palagonia dal marito. L'uomo è ora il padre adottivo dei tre figli della cugina e ha intentato la causa contro i pm che non sarebbero intervenuti nonostante le denunce della donna per fermare il marito.

Pubblicità


«Questa del Tribunale di Messina - prosegue - è una sentenza importante per tutti quelli che si sentono danneggiati da un errore dei magistrati. Io quando mia cugina è morta ho richiesto di adottare questi ragazzi che sono rimasti senza punti di riferimento, ma era giusto avere anche giustizia per la morte della mia povera cugina che era stata maltrattata dal marito in vita ma anche dallo Stato che non è mai intervenuto». «Sono felice - conclude - per i ragazzi. Io ho delle difficoltà economiche perché con mia moglie avevamo già altri tre figli naturali e non è facile al giorno d’oggi portare avanti una famiglia numerosa, ora dopo la sentenza sarà più facile». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: