Notizie locali
Pubblicità
La guerra con la Regione del nero d’avola

Archivio

La guerra con la Regione del nero d'avola

Di Redazione

Palermo. S’inasprisce la guerra legale sul vino Nero d’Avola tra la Regione Siciliana e la casa vinicola Duca di Salaparuta (che controlla i marchi Corvo e Florio), scoppiata quasi tre anni fa con l’esclusione del vitigno siciliano più noto da quelli Igt e il conseguente obbligo di usare la generica indicazione “Terre siciliane” in etichetta per tutti i vini non doc. L’ultima parola è del Consiglio di Stato a cui la Regione si era rivolta dopo che il Tar del Lazio aveva accolto il ricorso della Duca di Salaparuta.

Pubblicità

Secondo l’azienda, scrive Repubblica-Palermo, «la modifica del disciplinare comporterebbe in sostanza la cessazione dell’impresa, costringendo Duca di Salaparuta a non produrre più, ovvero a sostenere ingenti costi imprenditoriali per trasformare le linee produttive e passare alla Doc, con una pausa forzata di alcuni anni».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: