Notizie locali
Pubblicità
Coronavirus, da 18 giorni aspetta il test: «E ho trasportato un paziente positivo»

Covid-19

Coronavirus, da 18 giorni aspetta il test: «E ho trasportato un paziente positivo»

Di Fabio Russello

PALERMO Da 18 giorni è in casa, a Palermo, con il padre di 72 anni, in attesa del tampone, dopo che ha soccorso la moglie del genitore, poi risultata positiva al coronavirus e ora ricoverata all’ospedale Vincenzo Cervello. Sandro Giangreco, 52 anni, era arrivato a Palermo da Cinisi, dove abita. «Ho accompagnato la donna all’ospedale Buccheri La Ferla, con la mia macchina. Qui le hanno misurato la temperatura e hanno detto che dovevo andare al Civico - spiega Giangreco - dove hanno rimisurato la temperatura e ci hanno detto che dovevamo tonare a casa e metterci in contatto col medico curante. In auto abbiamo raggiunto l’ospedale Cervello, dove è stato fatto un tampone, risultato positivo al Coronavirus».

Pubblicità

Giangreco è rimasto in quarantena con il padre. «Ho chiesto aiuto a tutti per avere fatto il tampone e sapere se anche io sono positivo - dice - Non ho avuto risposte. Ancora dopo 18 giorni io e mio padre non sappiamo se abbiamo contratto il coronavirus. Chiedo al sindaco Leoluca Orlando se può fare qualcosa. Abbiamo ricevuto 8 giorni fa la spesa dalla Croce rossa. Da allora più nulla. Vi prego, aiutateci». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: